Modica, Ivana Castello scrive alla Commissaria del Comune

Tempo di lettura: 2 minuti

La consigliera comunale Ivana Castello ha scritto al Commissario Straordinario del Comune di Modica, Domenica Ficaro, per precisare alcuni temi rimasti irrisolti e per chiedere un chiarimento in ordine alla situazione debitoria del Comune.
“Il comune di Modica, come certamente sa, non naviga nell’oro -scrive l’esponente del centrosinistra -. Non può dirsi, insomma, una città economicamente ricca. Semmai si volesse insistere nell’uso di quest’ultimo aggettivo, mi vien di dire che sia ricca di povertà, di debiti, di problemi e di personaggi, i quali ultimi son quasi sempre ambigui, perché realizzano ma quel che realizzano non persegue l’interesse della città ma specifici obiettivi… nemmeno tanto nascosti, che sono squisitamente personali. Oggi fare politica è sinonimo di realizzare sè stessi non realizzando, come sarebbe giusto, esclusivamente il bene pubblico. E’ naturale, dunque, che nelle scelte di governo di una comunità si debba decidere se privilegiare l’ego o la res publica. Quel che ne viene, dunque, è che l’azione di governo si risolve in una sorta di polpettone politico che spesso si rivela tragico, con la tragedia che incide solo sui cittadini. Si pianifica, in questi casi, che il tragico seminato col mal governo maturi in futuro, quando alla guida della città ci sarà qualcun altro. Il compito di rimediare ai debiti, insomma, si lascia a chi verrà dopo. Perché reca sacrifici che non tutti accetteranno di affrontare. Il sindaco afferma, lo ha pure scritto alla Corte dei conti, di non aver gravato sordidamente sulle finanze comunali. Ci saremmo aspettati una dichiarazione meno tranciante. Perché c’è stato un momento in cui la Corte dei conti ha avviato il procedimento d’insolvenza irrimediabile del Comune. Il Comune, detto in breve, era fallito. Nelle more che maturasse il procedimento formale di default, una ventina di giorni prima, il sindaco ha presentato ricorso, è andato in appello, competente la Corte dei conti di Roma, e la Sentenza è stata “chirurgicamente” riformata. Siamo stati, dunque, ad un passo dalla dichiarazione di fallimento. Faccia le verifiche lei, Commissario, e illustri, alla cittadinanza tutta e a me in testa, lo stato delle finanze comunali. Le è necessario un mese? Aspettiamo il mese, ma dica alla cittadinanza che il consigliere Castello mente, sempre, ovviamente, evidenziando, in modo esaustivo, i documenti su cui lei si baserà. E proprio a proposito di debiti, debbo porle, e me ne scuso, un articolato quesito. Ho acquisito, in sede di accesso agli atti, tre missive: una prima di Banca FarmaFactoring spa, una seconda di Banca Sistema spa e una terza dello Studio legale Bellini Bressi di Milano.
La prima (in data 10 maggio 2022) reca un oggetto molto chiaro: “Sollecito di pagamento – non saldato al 10-05-2022”. Si tratta di somministrazione di energia elettrica effettuata dalla Enel Energia spa. Raccogliendo numerosi residui di pagamenti si perviene all’importo di 6.843.611,34 euro. Enel ha ceduto il credito a Banca FarmaFactoring spa e questa invita il Comune a fare il suo dovere.
La seconda accompagna l’estratto conto debitore relativo al 2021, esattamente 130 pagine, con cui la stessa Enel Energia spa riepiloga la situazione debitoria comunale relativa ai crediti ceduti pro-soluto al 31 dicembre 2021. Si accerta, in termini di importo facciale, un debito di 6.435.013,37 euro; seguono, però, due ulteriori colonne, in cui si ìndica un importo a saldo di 3.328.030,84 euro ed un ammontare di interessi di 2.469.110,99 euro. In tutto si chiede la somma non di 6.435.013,37 ma quella più ridotta, tra saldo e interessi, di 5.862.182,08 euro.
La terza lettera del 10 maggio 2022, stessa data della prima, riguarda alcuni debiti contratti dalla Modica Multiservizi in liquidazione. Dunque, la Multiservizi chiede ed ottiene alcune prestazioni da parte della International Factors Italia-Ifitalia S.p.A. La Factors ha ceduto il credito alla Business Partner Italia Società Consortile per azioni che, a sua volta, incarica lo Studio legale Bellini Bressi di attivare ogni opportuna iniziativa, anche di carattere giudiziario, per recuperare un credito di 4.491.351,34 euro.

Complessivamente le tre richieste ammontano a (6.843.611,34 + 5.862.182,08 + 4.491.351,34 =) 17.197.144,76 euro”.

Ivana Castello conclude chiedendo alla commissariata come intende regolarsi. “Questi tre debiti rientrano nei 75 milioni di passività scadute e non pagate al 31 dicembre 2021 o sono da ascrivere a qualche extra sfuggito, non certamente per negligenza? Dieci giorni or sono ho volto, per iscritto, la stessa domanda al segretario comunale ma ancora attendo la risposta. Obiettivamente il segretario non ha mai brillato quando s’è trattato di risposte a quesiti dei consiglieri comunali”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI