L’ambasciata del Venezuela in Bolivia scopre, dopo 3 anni, sparizione 34 automezzi

Il ministro del governo boliviano si è scusato con le autorità diplomatiche venezuelane
Tempo di lettura: 2 minuti

Il ministro del governo della Bolivia, Eduardo Del Castillo Del Carpio, ha denunciato l’usurpazione dei beni dell’Ambasciata del Venezuela in Bolivia da parte di funzionari inviati da Juan Guaidó con la compiacenza dell’allora presidente di fatto di Jeanine Áñez,  perseguita dalla giustizia, attualmente al sicuro nel penitenziario di La Paz. Del Castillo ha spiegato che dopo il colpo di stato del 2019 contro Evo Morales, Guaidó e compari, con il sostegno della Áñez, hanno inviato in Bolivia gli attivisti Arturo Vilar Esteves (in qualità di presunto consigliere del ministro), Rafael Cáceres (primo segretario), il capitano Henry José Rivas Pérez (addetto militare), Maro Martínez (presunto capo della sicurezza), Winston Flores e José Gregorio Cumare (entrambi autoproclamatisi rappresentanti diplomatici) del Venezuela a La Paz.

Singolare, che il Ministro boliviano si sia accorto, solo tre anni dopo, che la merce era stata sottratta dall’ambasciata del Venezuela.

“Abbiamo scoperto che questi signori, hanno partecipato alla vendita dei veicoli dell’Ambasciata, compilando la documentazione dei veicoli, custoditi nei garage, fatto una copia delle chiavi, disattivato i sistemi di sicurezza dei veicoli diplomatici per poi rivenderli a terzi.”, ha denunciato il ministro boliviano. Secondo i dati gestiti dal ministero, i veicoli scomparsi sarebbero 34, distribuiti in: 15 furgoni, due auto, un autobus, sette furgoni, sette moto e due minibus. “Abbiamo recuperato al momento un’antenna radio, la documentazione dei veicoli scomparsi, un’arma da fuoco, munizioni e una fondina per pistola”, ha detto Del Castillo. Dopo aver “scoperto” l’usurpazione dei beni dell’Ambasciata venezuelana, l’Esecutivo boliviano ha ordinato il dispiegamento della Polizia Nazionale per recuperare tutta la merce illegalmente sottratta.  “Il  3 gennaio, abbiamo sequestrato a  Radio Chacaltaya (situata nella zona di Sopocachi), il dispositivo per la telecomunicazione rubata dai rappresentanti di Juan Guaidó”, ha aggiunto il ministro. Il ministro boliviano si è scusato con le autorità diplomatiche venezuelane e, allo stesso tempo, ha ribadito che le indagini continueranno per recuperare tutte le proprietà. “Stiamo cercando i veicoli rubati, e tutte le persone coinvolte in questo atto vergognoso”, ha concluso il ministro.

Tutti veicoli che dopo tre anni, hanno avuto tutto il tempo di prendere il largo, verosimilmente collocati fuori dal territorio boliviano.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI