L’operaio morto annegato ad Acate. Forte denuncia della Cgil

Tempo di lettura: 2 minuti

Vincenzo Carrubba, 37 anni, morto annegato nel lago artificiale dell’azienda Villalbius ad Acate, azienda vitivinicola che produce il marchio Feudo Arancio, è l’ennesima vittima che si aggiunge all’elenco della strage continua. Sono più di 100 al mese le vittime sul lavoro, un dato impressionante che testimonia i ritmi di decessi come.in un fronte di guerra. “Una guerra – denuncia il segretario generale della Cgil Ragusa, Giuseppe Scifo – che si combatte ogni giorno nei cantieri edili, nelle aziende agricole, nei magazzini della logistica e sui mezzi di trasporto, dove spesso gli elevati ritmi di lavoro insieme alle carenti condizioni di sicurezza costituiscono quel mix micidiale che uccide donne e uomini al lavoro. Eppure tante sono le attività di formazione obbligatorie previste dalle norme nazionali sulla  sicurezza soprattutto per le aziende che operano in settori definiti al alto rischio. I DVR ( documento di valutazione dei rischi) obbligatori per le aziende contengono le misure sulla salute e sicurezza nel lavoro studiate a hoc per ogni processo produttivo in considerazione delle attività svolte, dei macchinari in uso e sugli ambienti di lavoro. Così come vengono prescritti tutti i presidi di sicurezza e i DPI ( dispositivi di protezione individuale) da utilizzare in ogni fase del processo produttivo. Ci sono poi i responsabili per la sicurezza e le rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza, ai quali spesso non viene riconosciuto un ruolo effettivo e, in molti casi, vengono ostacolati. Un sistema avanzato di norme e procedure – prosegue Scifo – che, però, non è in grado di fermare la strage continua di morti e incidenti sul lavoro. Occorre un impegno straordinario da parte del Governo per un vero monitoraggio ispettivo e preventivo affidato agli organi preposti.  Occorre incrementare gli organici dei Servizi di prevenzione delle Asp predisposti attraverso gli S.Pre.S.A.L. (Servizio  Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro). Se non si pensa ad incrementare la dotazione organica e la strumentazione di questi servizi la strage è destinata a continuare perché in un sistema economico con questo  modello produttivo incentrato sulla estrema competitività che mira dritto profitto con scarsa attenzione agli aspetti umani e sociali del lavoro. La Cgil è a fianco delle vittime dei familiari e sempre disponibile a raccogliere denunce e segnalazioni, anche in forma anonima per contrastare la carenza di misure di sicurezza nei luoghi di lavoro”.

 

 

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI