Ecuador. Continua la strage di detenuti nei penitenziari

Tempo di lettura: 2 minuti

Le carceri ecuadoregne sono in subbuglio. Per ristabilire l’ordine nei centri di detenzione del paese il governo del presidente Lasso ha dichiarato un nuovo stato di emergenza nel tentativo di ristabilire l’ordine nei penitenziali. La prima allerta era stata emanata il 29 settembre scorso, durata due mesi, dopo che il giorno prima, nel corso dell’ennesima rivolta di massa,  tra le violente aggressioni nei vari settori, e il lavoro delle guardie carcerarie sono stati cancellati dalla faccia della terra 118 detenuti. Fatti ripresentatisi con le stesse modalità di esecuzione il 12 e 13 novembre scorso con un nuovo massacro di altri 58  violenti sobillatori avvenuto nel penitenziario Litoral a Santiago de Guayaquil. In questo contesto di ribellione, lungi dall’essere terminata, il presidente Lasso, ha deciso di rinnovare per altri 30 giorni lo stato di allerta visto il protrarsi del trambusto generale che continua a verificarsi nella carceri. Il documento prevede la mobilitazione e il rafforzamento su tutto il territorio nazionale di corpi di Polizia e Forze armate nel tentativo di mantenere e ristabilire l’ordine nei centri di pena. I controlli saranno rafforzati, iniziando dal primo filtro d’ingresso che riguarda il controllo delle visite dei parenti ai carcerati, per impedire l’accesso nelle celle di oggetti atti a offendere tra i quali lame, coltelli, e a quanto pare anche armi rudimentali, che sarebbero entrati in alcuni settori. Inoltre, sarà sottoposta a controllo tutta la corrispondenza in entrata e uscita dalle carceri e sospesa la libertà di riunione e associazione in tutti centri di detenzione della nazione. Si è appreso che tra mercoledì e venerdì di questa settimana, una commissione internazionale per la salvaguardia dei diritti umani si recherà in Ecuador per verificare se nelle carceri vengono rispettate le norme di tutela e garanzia dei detenuti. In special modo la verifica si concentrerà sul complesso carcerario di Guayaquil, teatro delle stragi.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI