Lutto cittadino a Vittoria. Morto l’avv. Giuseppe Picci

Tempo di lettura: 2 minuti

La notte scorsa, a 97 anni nella sua abitazione, è deceduto l’avvocato Giuseppe Picci.

L’avvocato Picci nel corso della sua vita, ha svolto ruoli importanti per la Comunità vittoriese, oltre ad essere stato fino all’ultimo, un avvocato di prestigio, molto stimato e apprezzato da colleghi, magistrati e personale del mondo giudiziario, è stato amministratore rivestendo i ruoli di: Consigliere comunale, Assessore e Presidente dell’Ospedale di Vittoria, dove si è contraddistinto per le capacità amministrative e manageriali. Ha infatti trasformato, con la sua intraprendente capacità e le sue conoscenze, l’ospedale di Vittoria, da ospedale di comunità ad ospedale provinciale. Sceglieva accuratamente, secondo le leggi del tempo,  il personale medico, selezionandolo tra i professionisti migliori d’Italia, emblematico il suo viaggio a Padova, dove intercettò uno dei migliori chirurghi di quel momento: Gaetano D’Ambrosio, scomparso lo scorso anno.

A Vittoria, D’Ambrosio ha creato una scuola di chirurgia, alla strega di una università, fortemente voluta dal Presidente Picci, che ha prodotto negli anni, sei primariati di chirurgia generale.

All’avvocato Picci gli era stata conferita l’onorificenza di cittadino insigne.

La Città potrà rendere l’estremo omaggio all’illustre cittadino, domani 19 novembre alle  16,  presso la Basilica di San Giovanni Battista.

Il Sindaco per la giornata di domani ha proclamato il lutto cittadino.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI