Spariti nel nulla i 100milioni per le famiglie siciliane

On. Dipasquale: “Da Musumeci solo uno spot truffa, ai danni dei cittadini e del Parlamento”
Tempo di lettura: 2 minuti

“Il 29 marzo del 2020, nel pieno primo lockdown, il Governo Musumeci annunciava lo stanziamento di 100milioni di euro per aiutare le famiglie in difficoltà. Da allora ho sollecitato ripetutamente il Governo perché questi fondi arrivassero davvero, ma bisogna prendere atto che si trattava solo di uno spot”. Lo dichiara l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico, commentando la scoperta della Commissione speciale per la verifica dell’applicazione delle leggi regionali che ha appurato che i 100milioni annunciati da Musumeci in verità sono spariti nel nulla.
“Dal 31 marzo al 28 aprile 2020 sono intervenuto ben otto volte con delle note alla stampa, lettere inviate direttamente al presidente Musumeci, dichiarazioni all’ARS – racconta Dipasquale – sollecitando lo stanziamento delle risorse che, a quanto pare, non sono mai arrivate o, forse, ne è arrivato solo il 30%. È gravissimo, poi, che nonostante questi fondi siano stati inseriti nella legge di bilancio regionale, il Governo non abbia dato seguito alla legge”.
“A Musumeci piacque esagerare quel giorno quando alle tv nazionali sparò la cifra di 100milioni da destinare alle famiglie – conclude Dipasquale – pensando di farsi bello con una promessa doverosa in quel momento, ma molto difficile da mantenere. Invece non ha ottenuto nient’altro che l’ennesima figuraccia, offendendo pure il Parlamento siciliano”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI