Protesi nello stomaco. Modica, muore imprenditore

Tempo di lettura: 2 minuti

Una protesi,   applicata a Palermo dai chirurghi che oltre dieci anni fa lo avevano operato per un trapianto renale, che aveva perforato organi importanti. E’ deceduto all’Ospedale Maggiore l’imprenditore Marcello Cannata, cinquantenne, titolare di un’azienda per la vendita di materiale edile in Contrada Trebalate. Da diversi anni l’uomo accusava malori, fino a quando non si è dovuto sottoporre a dialisi. Ultimamente i dolori erano aumentati per cui gli erano stati prescritti più approfonditi accertamenti, al termine dei quali, venerdì scorso, è stato operato stavolta a Modica. Durante l’intervento è stata rinvenuta la protesi all’epoca impiantata in un’arteria e che aveva creato le disfunzioni.  Un corpo estraneo e pericoloso, insomma. I chirurghi dell’Ospedale Maggiore hanno deciso di intervenire a seguito del peggiorare della situazione. Ricoverato in terapia intensiva, le sue condizioni sembravano migliorare. Purtroppo a cinque giorni dall’operazione Cannata non ce l’ha fatta. La vicenda finirà certamente all’attenzione della magistratura.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI