Ciclismo, Giro di Sicilia. La vittoria di Nibali, le sue lacrime

Tempo di lettura: 3 minuti

Non poteva esserci finale più romantico per il Giro di Sicilia 2021. Vincenzo Nibali che vince a casa sua. Il miglior corridore italiano dell’ultimo ventennio che, a quasi 37 anni, ha ancora le gambe e la testa per regalare emozioni come questa. Non vinceva dal 2019,  da Val Thorens al Tour de France, e anche quella volta ad arrivare secondo fu Alejandro Valverde. Già, un duello tra due fuoriclasse intramontabili, che si sono sfidati su tutti i palcoscenici più prestigiosi del mondo nel corso degli anni, e questa settimana hanno regalato un bello spettacolo anche sulle strade di Sicilia, tanto per ricordare che di cartucce da sparare ne hanno ancora.

Le lacrime dello Squalo dello Stretto dopo il traguardo sono emblematiche: per quanto esternamente in questi mesi abbia sempre nascosto bene la frustrazione di due anni e mezzo di astinenza da successi, all’interno bramava questo momento con veemenza. Ma, forse, ciò che più lo aveva tormentato erano quelle tante critiche gratuite arrivate ingiustamente, per lui che avrebbe tutto il diritto di vivere di rendita per un bel po’ di tempo, visto ciò che ha vinto e fatto per tutto il movimento italiano. E poi, a 37 anni si può anche permettere di non vincere per un po’ di mesi senza sentirsi il peso del mondo addosso.

Lui, comunque, alla vittoria ci è tornato e lo ha fatto in grande stile. Con un’azione che ha ricordato alla lontana il suo attacco sul Colle della Lombarda al Giro d’Italia 2016, quando ribaltò la Corsa Rosa in due tappe (e anche quella volta c’era Valverde). Stavolta c’era l’Etna, il suo Etna, con strade che fa da quando aveva 10 anni, anche se non era il classico versante che porta al Rifugio Sapienza, ma quello di Sciara di Scorciavacca: “Non conoscevo molto bene la salita, però conoscevo la discesa, eppure ho sbagliato una curva, forse per difetto di concentrazione, forse per emozione”.

La speranza è che la sua Sicilia gli abbia regalato la gioia e la motivazione per allungare una carriera che vorremmo non finisse mai. Poco importa se i giovani rampanti incombono – “vanno più forte, non c’è molto che possa fare” aveva detto l’anno scorso al Giro – Nibali ci proverà e ci riproverà ancora, finché le forze le sosterranno. Intanto saluterà la Trek-Segafredo a fine anno avendo sbloccato la casella delle zero vittorie, poi dal prossimo anno lo rivedremo con l’Astana, dove ha ottenuto le gioie migliori della carriera. Comunque vada, c’è solo una cosa da dirgli: grazie Vincenzo!

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI