Un gruppo dell’Uici di Ragusa alla conquista dell’Etna

Tempo di lettura: 2 minuti

Grazie al bando Irifor “Ri-Gioco la mia parte 2021”, un gruppo di associati dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti di Ragusa ha animato il progetto “Tutti insieme supra muncibeddu”. Grazie alla guida Peppe Carnemolla, i partecipanti all’iniziativa sono riusciti ad andare alla conquista dell’Etna. “Abbiamo camminato sulla sabbia lavica – sottolinea il presidente Uici Ragusa, Salvatore Albani – abbiamo abbracciato le betulle, siamo scesi nei crateri. Abbiamo tastato le rocce di basalto, i lapilli e abbiamo avuto modo di prendere atto della montagna sotto i nostri piedi; siamo andati a spasso con le dita seguendo la bussola tattile lungo le bellissime cartine a rilievo; ci siamo immersi nel fresco della grotta dei ladroni, abbiamo ascoltato il canto degli uccelli e odorato le foglie. Volevamo abbracciare il castagno dei 100 cavalli ma è troppo grande. E così ci siamo accontentati di farci accogliere sotto i suoi rami ombrosi e di fare qualche foto a uno dei cinque alberi più vecchi al mondo. E’ d’obbligo ringraziare, per questa esperienza meravigliosa la nostra guida Carnemolla, Massimo Campo della nostra sezione Uici per l’organizzazione, Anella Di Benedetto e le sue meravigliose mappe tattili, Gabriella Cilia, Adriana Cusumano, il Rifugio Citelli per averci accolti calorosamente per pranzo, Irifor Sicilia onlus con la presidenza nazionale e la Cct, centri di consulenza tiflodidattica di Agrigento. Una esperienza davvero incredibile che speriamo di ripetere”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI