Ancora andamenti altalenanti nel settore dei servizi per l’economia iblea

Confcommercio provinciale Ragusa “A luglio un nuovo rallentamento ma è fisiologico”
Tempo di lettura: 2 minuti

Andamenti altalenanti per la nostra economia nel settore dei servizi. Lo afferma Confcommercio provinciale Ragusa riportando i dati riguardanti le vendite al dettaglio che, nell’area iblea, ritrovano il segno meno, al pari di quanto accaduto nel resto d’Italia: per lo scorso mese di luglio, infatti, l’Istat ha stimato un calo dello 0,5% in valore e dello 0,9% in volume rispetto al mese precedente, a causa soprattutto dell’andamento dei beni non alimentari (-0,5% in valore e -0,9% in volume), mentre le vendite di alimentari sono invariate in valore e in lieve calo in volume (-0,2%). In confronto allo stesso mese del 2020, comunque, sempre per quanto riguarda la provincia di Ragusa, resta un aumento confortante: +6,4% in valore e +8,1% in volume, con forti progressi sia per i beni alimentari (+4,3% in valore e +4,5% in volume) sia per i non alimentari (+7,9% in valore e +11,8% in volume). Gli aumenti maggiori riguardano abbigliamento e pellicceria (+12,4%) e calzature, articoli in cuoio e da viaggio (+10%), mentre gli incrementi più contenuti si hanno per utensileria per la casa e ferramenta (+1,2%) e dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (+2,1%). Quello su base annua è un risultato, per l’Istat, “in parte attribuibile ai bassi livelli registrati a luglio dello scorso anno”. La crescita “è maggiore nelle imprese operanti su piccole superfici”. Nel trimestre maggio-luglio, infine, le vendite aumentano dello 0,4% in valore e dello 0,2% in volume in termini congiunturali. “Si tratta di un rallentamento – commenta il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – che appare fisiologico e che quindi non desta alcuna preoccupazione sulle reali possibilità di crescita dell’economia locale anche nella seconda parte dell’anno in corso. Piuttosto, il principale elemento d’incertezza sul futuro prossimo, a parte l’evoluzione della pandemia, resta l’intensità (e la durata) dell’inflazione”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI