Lieve ripresa a maggio per le vendite al dettaglio negli iblei

In calo i beni alimentari, leggero progresso per i non alimentari Confcommercio: “Stime un pizzico migliori delle previsioni”
Tempo di lettura: 2 minuti

Lieve ripresa a maggio per le vendite al dettaglio che, dopo il leggero calo di aprile, ritrovano il segno più, anche se il livello, sia in valore sia in volume, risulta ancora inferiore ai livelli antecedenti la crisi (febbraio 2020). Le stime Istat riferite alla provincia di Ragusa indicano infatti una crescita congiunturale dello 0,3% in valore e dello 0,5% in volume, mentre rispetto allo stesso mese del 2020 c’è un aumento del 11,2% in valore e del 13,1% in volume.
“Dal confronto con il mese precedente – chiarisce il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, che riporta le elaborazioni provenienti dall’ufficio studi dell’associazione di categoria – emerge un calo per i beni alimentari (-2,5% in valore e -2,0% in volume) e un progresso per i non alimentari (+2,5% in valore e +2,2% in volume). Tra questi ultimi, variazioni positive per tutti i gruppi di prodotti ad eccezione di dotazioni per l’informatica, telecomunicazioni, telefonia (-3,7%). Gli aumenti maggiori riguardano abbigliamento e pellicceria (+75,6%) e calzature, articoli in cuoio e da viaggio (+60,7%). Analogo l’andamento se si fa il paragone con maggio 2020, con il comparto non alimentare in crescita (+30% in valore e +27% in volume) e i beni alimentari in flessione (-1,8% in valore e -0,9% in volume)”.
Il valore delle vendite cresce in tutti i canali distributivi: grande distribuzione (+8,5%), imprese operanti su piccole superfici (+20,5%), vendite al di fuori dei negozi (+19,1%) e commercio elettronico (+8,2%). “Secondo il nostro ufficio studi – sottolinea Manenti – si tratta di stime leggermente migliori delle previsioni. La componente non alimentare appare dinamica mentre l’alimentare è già in contrazione a causa della naturale sostituzione con i consumi fuori casa, nuovamente fruibili col ridursi dei vincoli alla socialità. L’abbigliamento mostra un recupero al di là delle più rosee previsioni e questo fa ben sperare sulle sorti della ripartenza nel complesso. Anche a maggio, come in aprile, il tasso di variazione delle vendite che transitano dal canale elettronico è inferiore a quello medio e, in particolare, alla crescita delle vendite di prodotti non alimentari delle imprese operanti su piccole superfici. Al contrario, il commercio alimentare di prossimità segnala ancora una forte sofferenza e ci sono dubbi sul fatto che riuscirà mai a percorrere tutta la strada necessaria a un pieno recupero dei già depressi livelli di fatturato del periodo pre-Covid”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI