Modica, Piano Triennale delle Opere Pubbliche. D’Antona e i suoi dubbi

Tempo di lettura: 2 minuti

Il 23 aprile scorso, a commento dell’approvazione da parte del Consiglio Comunale del Piano triennale delle opere pubbliche, Abbate dichiarava alla stampa che “ .. sui 108 progetti inseriti, sono ben 52 le opere di sicura realizzazione perché finanziate per un ammontare che supera i 35 milioni da fondi esterni al bilancio comunale e dotati di decreti di finanziamento da parte dei vari Enti pubblici. ..”. Il 24 maggio, in occasione di una richiesta da inoltrare al Ministero per il finanziamento di cinque opere, Abbate comunicava che nel frattempo i finanziamenti erano aumentati, diventando 38 milioni e non più 35 milioni, tutte opere che, si diceva “ .. cambieranno il volto della città nei prossimi anni ..” .

” Da un esame della documentazione a supporto delle opere finanziate o in corso di finanziamento  – dice Vito D’Antona di Sinistra Italiana – abbiamo verificato invece che le uniche opere dotate di relativo provvedimento definitivo di finanziamento sono soltanto 10 e non 52 e ammontano complessivamente a  7.933.098,18 euro e non a 35 milioni, né a 38 milioni, come annunciato da Abbate .      

Per il resto il Piano triennale delle opere pubbliche contiene interventi senza alcuna fonte di finanziamento e interventi ancora in fase di prefinanziamento, anche con graduatorie approvate, ma privi di relativi decreti, come invece dichiarato da Abbate.

Dopo l’assenza di opere del Comune di Modica nella lista dei progetti redatta dal Libero Consorzio di Ragusa a valere sulle storiche e irripetibili risorse del Recovery Plan, la restituzione di circa due milioni di euro alla Regione Siciliana e la perdita di cinque milioni di finanziamenti per opere di messa in sicurezza del territorio, Abbate sta trascinando la città di Modica ad essere fanalino di coda della provincia in termini di lavori pubblici, a fronte di comuni vicino a noi che stanno trasformando veramente le loro città e i loro territori.

Le innumerevoli incompiute sparse nella città, da Modica Alta a Modica Bassa, dal quartiere Sacro Cuore a Frigintini e a Marina di Modica, non si possono ignorare, non hanno bisogno di alcun commento perché il loro abbandono da anni è sotto gli occhi di ogni cittadino”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI