L’Argentina approva la legge sull’inclusione lavorativa LGBTIO+

Tempo di lettura: 2 minuti

Venerdì la Camera dei Deputati dell’Argentina ha approvato la Legge per l’accesso al lavoro formale per travestiti, transessuali e transgender, allo scopo di migliorare la vita di queste comunità. La futura legge implica che i tre poteri dello Stato nazionale debbano adottare, come misura di azione positiva, una quota di lavoro dell’1% per travestiti e trans, al fine di promuovere reali pari opportunità.  Il progetto è stato chiamato “Diana Sacayán-Lohana Berkins” in onore di coloro che sono stati riconosciuti sostenitori dell’inclusione lavorativa formale per queste comunità. Il processo di approvazione è stato segnato anche dal caso che ha coinvolto Tehuel Torres, un transgender di 22 anni scomparso l’11 marzo scorso. L’iniziativa è stata promossa da circa 150 organizzazioni che dal 2016 stanno cercando di far approvare la legge di inclusione. Secondo il presidente della Commissione Donne e Diversità, Monica Macha uno dei legislatori che hanno promosso l’iniziativa,  ha assicurato che l’aspettativa di vita media di queste comunità è di soli 40 anni, mentre il 95% manca di lavoro formale. Adesso la palla passa alla Camera del Senato chiamata ad esprimersi per l’approvazione definitiva.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI