PD. Nuove palme Giardino Ibleo. La parola alla Sovrintendenza.

Tempo di lettura: 2 minuti

“Ho effettuato un sopralluogo al Giardino ibleo dove ho potuto verificare lo stato di avanzamento dei lavori relativo, in particolare, alla piantumazione delle nuove palme. A causa delle numerose proteste indirizzate all’amministrazione comunale, si è reso indispensabile, ieri mattina, un sopralluogo del sindaco, dell’assessore al ramo oltre che dei tecnici. E, a quanto pare, lunedì ci sarà un vertice in Soprintendenza a Ragusa proprio allo scopo di fare il punto”. Così il capogruppo del Pd al Consiglio comunale, Mario Chiavola, che ha raccolto le perplessità dei residenti sulla intricata vicenda. “A quanto pare – sottolinea Chiavola – queste palme nuove non sono adatte per la cornice storica del Giardino ibleo. Il sindaco sostiene che si sono fatte delle specifiche valutazioni e che si è scelto di muoversi lungo tale direzione. Vedremo. Si dovrebbe cercare di capire, in prima battuta, come mai non si è riusciti a salvare quelle già esistenti quando, a sentire quello che sostengono gli esperti, sarebbe bastato utilizzare dei prodotti non chimici per cercare di contrastare l’avanzata dell’insetto che ha già creato parecchi danni ai sistemi palmizi della nostra città. E, comunque, se proprio le palme si volevano sostituire, quelle tuttora utilizzate non sembrano opportune a tale realtà. Ma ne sapremo di certo di più dopo il confronto alla Soprintendenza. Come Pd, vigileremo sulla vicenda e diremo la nostra se c’è qualcosa che non ci convince”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI