Controllo elettronico accessi Ibla. Il Sindaco chiarisce

Tempo di lettura: 2 minuti

“La notizia dell’affidamento dei lavori di installazione a Ibla di telecamere per il controllo elettronico degli accessi, a conclusione di un iter amministrativo annunciato e avviato già da alcuni mesi – dichiara il sindaco Peppe Cassì – ha suscitato perplessità, prese di posizione, apprezzamenti, ma anche molte critiche di vario genere. Credo che un paio di considerazioni si impongano, per evitare strumentalizzazioni e fraintendimenti.
1. Con questo sistema di regolamentazione degli ingressi dei veicoli, Ibla si appresta, con parecchi anni di ritardo, a mettersi al passo di tutte le più rinomate località turistiche del Mondo, nel novero delle quali rientra a pieno titolo: una scelta di civiltà, di sostenibilità ambientale, di decoro e anche di rispetto di un luogo così fragile e prezioso. È impensabile che ancora oggi chiunque possa accedere con la propria vettura fino a ridosso di un gioiello come il Duomo di San Giorgio.
2. Gli 11 varchi di accesso previsti potranno ovviamente essere attivati o disattivati, tutti o alcuni di essi, a seconda delle giornate, degli orari, delle circostanze; esattamente come oggi accade in determinati momenti impiegando volontari e transenne. Prevedere i varchi non vuole assolutamente dire “blindare”: come ho sempre detto, e come peraltro risulta dagli atti della procedura, il contingentamento degli ingressi dei veicoli privati non può essere disgiunto dal potenziamento di sistemi alternativi per raggiungere il borgo e per circolare al suo interno, essendo preciso interesse di tutti (di certo interesse di questa amministrazione) che coloro che vogliono godere del fascino e della suggestione di un soggiorno o anche solo di una passeggiata a Ibla possano farlo comodamente.
A questo obiettivo tendono il recupero già quasi ultimato del parcheggio San Paolo, il prossimo allargamento della circonvallazione per permettere sia il doppio senso di marcia sia la sosta su entrambi i lati, il potenziamento delle linee di trasporto pubblico urbano chiesto all’AST, la previsione di un servizio navetta in determinati periodi dell’anno, e non ultimo il recupero dei sentieri della vallata Santa Domenica per una breve e suggestiva passeggiata dal centro di Ragusa superiore.
Ibla non sarà blindata, sarà ulteriormente valorizzata”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI