Pallamano. KeyJey Ragusa prepara il rush finale della stagione

Tempo di lettura: 2 minuti

Si lecca le ferite la KeyJey Dnm Pallamano Ragusa dopo le sconfitte degli ultimi turni. Ma, soprattutto, cerca di preparare al meglio la fase finale della stagione del girone C del campionato nazionale di Serie A2 che, a questo punto, diventa molto delicata perché il sette ibleo ha un disperato bisogno di punti per potere rifiatare e, soprattutto, per risalire la china allo scopo di conquistare quella posizione di tranquillità che assicurerebbe la permanenza. Coach Mario Gulino lo ha detto sabato scorso, alla fine dello sfortunato match con il Mascalucia. “Da un paio di settimane – ha spiegato – siamo costretti a preparare le partite con una formazione rimaneggiata. Abbiamo dovuto adattare alcuni giocatori, tra l’altro non al top della condizione, in ruoli non propri. E tutto ciò ha finito con il creare certi scompensi negli equilibri di squadra che, alla lunga, abbiamo pagato. Ma non voglio accampare scusanti, non cerco alibi. Ogni squadra ha le proprie problematiche da gestire. Noi ci siamo trovati a fronteggiare queste. Ora, dobbiamo cercare di sfruttare questo periodo di pausa del campionato (i ragusani torneranno in campo il 20 marzo ad Alcamo) per recuperare la migliore condizione e, soprattutto, per riacquistare piena consapevolezza delle nostre potenzialità. Lo ripeto. Ci sarà un momento delicato da gestire. E dovremo farlo con tutta la spinta sportiva e agonistica di cui siamo capaci. Non possiamo permetterci di lasciare alcunché al caso”.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI