Neonato modicano abbandonato a Ragusa. Il DNA incastra il padre

Tempo di lettura: 2 minuti

Il padre del neonato abbandonato a Ragusa lo scorso 4 novembre  è il macellaio che  inscenò il ritrovamento del piccolo. Lo conferma il DNA. La Procura di Ragusa ha chiesto per l’uomo il giudizio immediato con  l’accusa di  abbandono di minore.

Ancora al vaglio degli inquirenti la posizione della madre, che è indagata per concorso. Il commerciante ragusano, raccogliendo la richiesta di aiuto della ex compagna, si era recato a Modica dove trovò la donna che aveva appena partorito il piccolo nella sua abitazione.

Sulle base delle sue dichiarazioni, l’uomo decise di inscenare l’abbandono e il ritrovamento proprio davanti alla sua macelleria, a Ragusa, in via Saragat, ritenendo questa la via più breve per fare intervenire i soccorsi e trasferire il neonato in ospedale.

Il bambino fu trasferito al Giovanni Paolo II, dove gli furono prestate le prime cure. Dal 20 novembre il piccolo è stato affidato in pre adozione a una famiglia siciliana.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI