Cerca
Close this search box.

Confcommercio. Lotteria degli scontrini in un momento sbagliato

Manenti. “In provincia di Ragusa aggiornati molto meno della metà dei registratori di cassa. E poi c’è il problema dei costi”
Tempo di lettura: 2 minuti

“La lotteria degli scontrini che parte oggi prende il via in un momento sbagliato: se fosse un’iniziativa privata, sarebbe destinata al fallimento. I costi superano i benefici e i negozi non hanno avuto il tempo per adeguarsi”.
E’ quanto chiarisce il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, tornando a parlare di una questione urgente, evidenziando che molto meno della metà dei registratori di cassa dell’area iblea risultano aggiornati per poter fare partecipare i consumatori alla lotteria degli scontrini. “Oltre a questo – spiega Manenti – c’è il problema dei costi: per aggiornare i registratori telematici ed acquistare il lettore ottico per la lettura del codice lotteria, un esercente spende in media 300 euro. Un costo esagerato e inopportuno in una fase estremamente difficile in cui molti commercianti hanno notevoli difficoltà finanziarie a causa della crisi economica dovuta alla pandemia in corso. Per gli adeguamenti, poi, servono oltre 1 ora e mezza e c’è un problema oggettivo legato alle difficoltà tecniche di chi dovrebbe appontare lo strumento di rispondere alle richieste”. Come il cashback, anche la lotteria degli scontrini, osserva Manenti, “troverà il tempo che trova. Non ha alcuna utilità per il mercato in un momento di incertezza in cui le aziende non sanno quando devono restare aperte o chiuse”.
Al costo dell’adeguamento si aggiunge, poi, anche il costo per comunicare la partecipazione dei negozi alla lotteria: “Siccome è un’operazione di Stato andrà pubblicizzata ed è un costo per le imprese. Il settore, in questo momento, sta galleggiando a malapena: avevamo chiesto una proroga perché questa iniziativa nasce zoppa: le teste delle persone sono distratte rispetto a questi temi e le società che devono fornire gli strumenti (lettore e chip) hanno difficolta a installarle in tempi rapidi. Come Confcommercio, a livello nazionale, e noi siamo d’accordo con questa chiave di lettura, riteniamo di essere nell’ingenuità totale se si pensa che la lotteria degli scontrini contribuirà da sola a combattere l’evasione fiscale. Si registra nella vendita al dettaglio un 10% di evasione fiscale. Bisognerebbe occuparsi anche dell’altro 90%”.

444609
© Riproduzione riservata

1 commento su “Confcommercio. Lotteria degli scontrini in un momento sbagliato”

  1. Tonino Spinello

    Se un governo ricorre ad una fantomatica lotteria per contrastare l’evasione fiscale, vuol dire che è un governo fallimentare sotto tutti i punti di vista! Anche governare le forze dell’ordine, Guardia di finanza in primis! Non so come la pensano gli ufficiali della GDF, se fossi uno di loro, mi sentirei offeso. Offeso perché mi considerano non in grado di svolgere il mio compito. Non so chi sia stato lo “scienziato” che si è inventato questo gioco e tutti gli altri scienziati che lo condividono, ma allora perché non mettere pure un premio per le forze dell’ordine per fare emergere tutta la corruzione che abbiamo nel paese? Forse hanno paura che le nostre forze dell’ordine diventano Milionari in poco tempo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top