Consumi culturali calati del 47% in provincia di Ragusa

Confcommercio. La spesa media familiare drasticamente calata
Tempo di lettura: 2 minuti

Un quadro dalle tinte drammatiche quello mostrato dall’Osservatorio di impresa cultura Italia-Confcommercio, in collaborazione con Swg, sui consumi culturali nel 2020. Una situazione difficilissima, in particolare per gli spettacoli dal vivo bloccati dal lockdown e dalle successive misure di contenimento della pandemia che hanno determinato un crollo degli spettatori di circa il 90% per cinema, concerti, teatro oltre che forti riduzioni di spesa, con punte di oltre il 70%, da parte dei consumatori tra dicembre 2019 e settembre 2020. Qual è la situazione in provincia di Ragusa? La spesa media mensile a famiglia, a dicembre 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, è diminuita del 47%; la spesa a settembre per spettacoli, rispetto al dicembre 2019, è diminuita del 70%; di contro, crescono gli abbonamenti alla pay tv in streaming, pari al 19% in più da dicembre 2019 a dicembre 2020. “Il dato più significativo della ricerca – spiega il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – è quello del crollo della spesa mensile che fornisce la misura esatta delle enormi difficoltà del settore. Siamo scesi dai 113 euro del dicembre 2019 ai 59,55 euro del dicembre 2020, significa 53,45 euro in meno”. Per esaminare altre voci nel dettaglio riferite alla provincia di Ragusa, si nota che la lettura dei libri, da dicembre 2019 a dicembre 2020, è cresciuta del 9%, così come la lettura dei giornali (+ 12%). In calo, invece, la lettura di riviste e fumetti, pari al 20%. “Tiene la lettura sia dei libri – commenta Manenti – con una preferenza per il cartaceo, sebbene un ragusano su cinque utilizzi anche il formato digitale, che dei quotidiani, consultati principalmente in versione gratuita online e con un rapporto di circa 1 a 2 tra lettori in digitale a pagamento e lettori in cartaceo; in calo tutte le forme di abbonamento a servizi culturali a pagamento ad eccezione della Tv in streaming e con un terzo di ragusani che pensa di utilizzare prevalentemente piattaforme streaming a pagamento a testimonianza di un crescente interesse per questo tipo di offerta televisiva rispetto a quella generalista; la forma di fruizione tradizionale della cultura, poi, sembra avere lasciato spazio al digitale con la visione di spettacoli dal vivo, opere, balletti e musica classifica soprattutto sul web o in tv. Una tendenza che, alla luce delle attuali restrizioni, sembra confermarsi anche per la prima parte del 2021”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI