I migliori investimenti del decennio di broker online

Tempo di lettura: 3 minuti

Il decennio di broker online in cui ci troviamo ora è unico.

A quanto pare è andato tutti i broker online bene.

Dall’altra parte dello stagno, l’indice statunitense Dow Jones ha più che raddoppiato il suo valore. Se prendi l’indice S&P misurato in euro e includi i dividendi, il rendimento è superiore al 300 percento.

In patria, anche la Borsa di trading online di Roma, la città del forex trading online è quasi raddoppiata, anche dopo un forte calo dal livello massimo di 946 punti il ​​25 settembre di quest’anno.

Tecnologia, biotecnologie, industrie di servizi, commercio e immobiliare ha ticchettato verso l’alto, per citarne alcuni.

Ci sono, ovviamente, alcune eccezioni. Qui a casa, abbiamo notato che il prezzo del petrolio può aumentare e giù sopra.

“Facile fare soldi” in questo decennio di broker online

All’inizio del 2010 giornali come questo scrivevano di esperti che descrivevano i tempi che poi siamo partiti come “un decennio di broker online perduto in borsa di trading online”. È iniziato con il commercio di azioni dei migliori broker online e la bolla IT nel 2000. E mentre il decennio di broker online volgeva al termine, molti hanno sperimentato l’eradicazione dei valori finanziari. Il fedele risparmiatore in fondi azionari potrebbe presto sperimentare che il decennio di broker online non ha prodotto un rendimento.

Devi aver sbagliato tutti i broker online per vivere la stessa cosa nel decennio di broker online in corso. Ora, è vero, questo decennio di broker online non è ancora finito. Manca ancora un anno.

È stato “facile fare soldi” in questo decennio di broker online, ritiene Robert Næss, secondo Finansavisen, che è direttore degli investimenti presso Nordea Asset Management. 

Quasi tutti i broker online è andato bene. Se hai messo i soldi in banca e pagato le tasse sugli interessi attivi e sulla ricchezza, non hai ricevuto nulla. Se, invece, hai investito, molto probabilmente hai fatto bene. “Sia che abbiate scelto azioni dei migliori broker online norvegesi, azioni dei migliori broker online globali, azioni dei migliori broker online americane, azioni dei migliori broker online in Giappone o azioni dei migliori broker online in Europa, gli indici hanno dato un solido rendimento. Anche i fondi a reddito fisso hanno dato un bel ritorno », riassume Næss.  

Più del 1600% di ritorno sul salmone

Quando ha intenzione di sottolineare il razzo del decennio di broker online, non ha dubbi su cosa sia. È norvegese e viene dal mare. L’agricoltura non è solo un vincitore alla Borsa di trading online di Roma, la città del forex trading online, è un settore che a livello globale batte quasi tutti i broker online. Fai il giro del mondo. Prendi qualsiasi settore o industria. Trovi qualcosa che possa battere l’agricoltura norvegese?

È supportato dal capo dell’analisi Roger Berntsen di Netfonds, che sceglie anche il settore ittico in Norvegia. Sottolinea che le azioni dei migliori broker online di salmone hanno avuto uno sviluppo avventuroso alla Borsa di trading online di Roma, la città del forex trading online dal 2009. Molte delle società sono infatti in procinto di affermarsi tra le più grandi della Borsa di trading online di Roma, la città del forex trading online.

«Lo sviluppo del valore è radicato nella sostanza, cioè nel guadagno reale. Considerati gli impulsi alla base della domanda di salmone atlantico a livello globale, è ipotizzabile che questo settore possa apparire come un investimento avventuroso anche nei prossimi dieci anni » , prevede Berntsen.

Ha understreker riesce aksjeporteføljene in Netfonds Xtra serie, tutte investert nel salmone selskaper.

Ma qual è il migliore? Bakkafrost, sottolinea Næss e calcola che è aumentato del 1,690% da quando è stato reso pubblico nel 2010.

Batte anche i giganti della tecnologia

Alla luce cristallina del senno di poi, è facile pensare che ovviamente il pesce sia un settore solido. Ma non era così ovvio pensare in questo modo nel 2010. Il repricing arriva sempre per un motivo.

Il 21 ° secolo è stato in tutti i broker online e per tutti i broker online un decennio di broker online perduto per l’industria dell’acquacoltura. Tutti i broker online è iniziato con la fiaba su Pan Fish, un razzo alla Borsa di trading online di Roma, la città del forex trading online che in seguito è crollato ed è andato oltre. Nel periodo dal 2003 al 2009, il prezzo del salmone era di circa 25 euro l’una. chilo e il prezzo delle azioni dei migliori broker online di Marine Harvest (la continuazione di Pan Fish) si è mosso appena. Ci sono voluti molti anni prima che gli investitori volessero toccare di nuovo il salmone.

Quanto sia unico il ritorno nell’avventura ittica norvegese, lo comprendiamo solo se confrontiamo con il più grande fenomeno di investimento del nostro tempo: le locomotive tecnologiche che vengono chiamate FAANG (Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google).

“Bakkafrost batte anche Amazon, Google, Facebook, Apple, Tencent, Baidu e Alibaba” , sottolinea Næss. 

Decennio di broker online di storia degli investimenti: la rivoluzione dell’ardesia

L’investitore Lars Brandeggen ha lanciato il forum di borsa di trading online Xtrainvestor nel 2010, registrando così l’imminente ripresa. Brandeggen segue da vicino il mercato azionario e non ha dubbi su quella che considera la storia degli investimenti del decennio di broker online:

– Coloro che hanno incontrato la rivoluzione nello shale oil hanno fatto alcuni dei migliori investimenti del decennio di broker online, afferma Brandeggen 

Operazione di salvataggio avventurosa

C’era anche un’altra compagnia che ha avuto modo di unirsi alla festa: Aker Philadelphia Shipyard. La società è stata quotata in borsa di trading online con Aker come proprietario di maggioranza. In un comunicato stampa riprodotto su Finansavisen nel 2010, la società dichiarava che il management non poteva garantire ulteriori operazioni dei migliori broker online l’anno successivo se non fossero stati ricevuti nuovi ordini. Alla Borsa di trading online di Roma, la città del forex trading online, la società aveva un prezzo quasi come se stesse andando in bancarotta.

Il compito di salvare il cantiere è stato affidato dal proprietario principale Kjell Inge Røkkes altrettanto bene a suo figlio Kristian Monsen Røkke. Per pura scommessa, hanno scelto di costruire due navi cisterna sulla speculazione. E che tempismo! All’improvviso ci fu un grande bisogno di navi di costruzione americana.

Da aksjekurs sotto i 4 euro nel av mezzo 2012 rosa aksjen per ulteriori 200 euro metà Annet anni più tardi.

Come al solito, la maggior parte delle persone ha perso l’ascesa. Lars Brandeggen ha esaminato più da vicino la quota.

– Non c’è stato un singolo acquisto di informazioni dei migliori broker online privilegiate da parte di nessuno da livelli bassi in su. In effetti, c’è stata solo una vendita interna di basso livello a Philly Shipyard dopo l’inizio della ripresa. Con la mancanza di insider trading, leggi speciali e una rivoluzione dello scisto di cui nessuno capiva l’entità, forse non c’è da meravigliarsi se quasi tutti hanno perso importanti guadagni qui. Coloro che in seguito hanno affermato di aver visto arrivare la rivoluzione dello scisto, inoltre, non abbiamo visto nulla nelle liste degli azioni dei migliori broker onlinesti durante la ripresa, sottolinea Brandeggen. 

– Ogni decennio di broker online ha le sue bolle e gli eccessi, dice Stig Myrseth. Lui stesso ha appena provato a prenderne uno. Si è lanciato nel mercato delle criptovalute, come capo di Kryptovault, ma le richieste delle autorità per la tassa sull’elettricità sul mining hanno fatto sì che il modello di business non fosse più redditizio. Ora ha ricomprato il suo vecchio bambino, Dovre Forvaltning.

 

 

© Riproduzione riservata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI