Occhi puntati sui pericoli realtà virtuale…..di Giannino Ruzza

Tempo di lettura: 2 minuti

Giocare a tennis,  lanciarti con un paracadute o combattere orribili mostri virtuali? Lo puoi fare standotene comodamente seduto in poltrona. Sono gli amanti della realtà virtuale che sta interessando molto la ricerca psicologica per indagare aree come l’ansia, il processo decisionale morale e le risposte emotive. Un esperimento virtuale, condotto da alcuni docenti di psicologia alla John Moores University di Liverpool,  che simula una condizione di pericolo per esplorare il modo in cui le persone rispondono emotivamente a una potenziale azione e/o minaccia. Gli studiosi  hanno chiesto ad alcuni volontari di camminare su una serie di blocchi di ghiaccio sospesi a centinaia di metri di altezza in una valle alpina innevata per testarne attenzione, ansia e paura. Come parte dello studio, sono stati posizionati sul capo display virtuali, controller portatili e sensori collegati ai piedi. Device  che hanno permesso ai partecipanti di testare la stabilità di un blocco di ghiaccio prima di venire calpestato con uno o  entrambi  i piedi. Mentre i partecipanti si facevano strada sul ghiaccio, alcuni blocchi si spezzavano e cambiavano colore quando venivano toccati.  Man mano che i blocchi cadevano, i partecipanti all’esperimento si  facevano più prudenti  e cauti nelle mosse successive, soprattutto dopo alcune cadute virtuali nel vuoto. Questa tendenza al comportamento avverso al rischio era più pronunciata nei partecipanti con un livello più alto di un tratto della personalità, chiamato nevroticismo, stabilendo che le persone con alto nevroticismo  sono più sensibili agli stimoli negativi e alle potenziali  minacce. Queste persone hanno eseguito più test muovendo un solo piede e rimanendo stabili per più tempo su blocchi solidi “sicuri” quando la minaccia di caduta era più alta. Risultati interessanti  che però sollevano  preoccupazioni in termini di dati e privacy delle persone, poiché le aziende tecnologiche potrebbero utilizzare  queste informazioni  per indirizzare la pubblicità e la realizzazione di hardware  virtuale. “Gli utenti dovrebbero sapere se i loro dati vengono tracciati, se vengono conservati record storici, se i dati possono essere ricondotti a singoli account, insieme a come vengono utilizzati e con chi possono essere condivisi. Ciò ha aperto la strada a controverse applicazioni commerciali e allo scandalo Cambridge Analytica, quando i profili psicologici degli utenti erano presumibilmente raccolti e venduti  a campagne politiche” hanno concluso gli studiosi britannici.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI