Ragusa. Protocollo Asp-Lav per il contrasto randagismo canino

Tempo di lettura: 4 minuti

É stato sottoscritto mercoledì nella sede della Direzione Generale, piazza Igea, Ragusa, il Protocollo d’Intesa tra ASP di Ragusa e LAV relativo al progetto per il contrasto del randagismo canino mediante il miglioramento del sistema di prevenzione basato sulla sterilizzazione dei cani, da parte del Dipartimento di prevenzione veterinario della ASP di Ragusa. Per l’Azienda era presente il direttore del Dipartimento Veterinario, dr. Giorgio Blandino, e il direttore degli Affari Generali, avv. Giovanni Tolomeo. Il Direttore Generale ASP, arch. Angelo Aliquò, aveva già, in precedenza, apposto la sua firma.

Il progetto dell’Azienda Sanitaria Provinciale, finanziato con fondi regionali, al quale LAV darà il suo contributo anche attraverso la propria ambulanza veterinaria, prevede la sterilizzazione di cani randagi e di cani ad alto rischio di riproduzione detenuti da privati, come quelli detenuti dai cosiddetti accumulatori e quelli appartenenti ad aziende agricole e/o agricole zootecniche. 

In questo contesto LAV sarà di supporto con la propria ambulanza veterinaria acquistata e attrezzata grazie alle donazioni ricevute attraverso la campagna di SMS solidale “L’arrivo dell’ambulanza dipende da te”, in collaborazione con Responsabilità Sociale RAI. 

L’ambulanza sarà di aiuto nelle attività inerenti alla sterilizzazione (trasporto degli animali presso la struttura pubblica dove si terrà l’intervento chirurgico e dalla struttura al luogo di prelievo) e per le microchippature extrambulatoriali organizzate dai Comuni, di concerto con il Servizio veterinario ASP, che provvederà all’inoculazione del microchip attraverso propri veterinari.

«Siamo molto lieti di dare supporto alle attività progettuali dell’ASP di Ragusa, soprattutto in un periodo di crisi come quello generato dalla pandemia, in quanto anche gli animali ne subiscono gli effetti negativi, e ringraziamo il Direttore Generale Angelo Aliquò per la sottoscrizione del Protocollo e il Dipartimento di Prevenzione veterinaria con il quale collaboreremodichiara Ilaria Innocenti, responsabile nazionale Area Animali Familiari LAV e continuaSi tratta di un progetto molto importante poiché due delle cause che alimentano maggiormente l’abbandono e il randagismo sono i cani di privati a rischio di riproduzione incontrollata, le cui cucciolate spesso vanno a incrementare la schiera dei randagi e la mancata identificazione dei cani di proprietà. Ci auguriamo che questo progetto sia di stimolo e di positivo esempio nelle realtà in cui il fenomeno del randagismo canino non è stato ancora affrontato nella sua complessità e con la corretta strategia di prevenzione.»

 foto: Ilaria Innocenti  e Giovanni Tolomeo 

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI