Ex scuola rurale Ragusa. Finanziato progetto del Comune

Per realizzare un’aula didattica presso il Centro polifunzionale di Viale Colajanni
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Autorità di Gestione del PON “Legalità” 2014-2020 ha reso noto che con apposito decreto il Comune di Ragusa è stato ammesso al finanziamento a valere sull’Asse 7, Azione 7.1.2 del PON “Legalità per un valore di 587.453,50 euro per il progetto presentato dall’Ente riguardante “Ospitalità e formazione per il contrasto al caporalato- Ristrutturazione dell’ex scuola rurale di Contrada Genisi”.

L’Amministrazione comunale – afferma il sindaco Peppe Cassì – nell’ambito dello specifico Programma Operativo Nazionale “Legalità” che prevede interventi per l’ospitalità dei lavoratori stagionali ed il contrasto al fenomeno del caporalato volti a mantenere le condizioni di regolarità lavorativa e a sostenere i lavoratori stagionali , vittime di sfruttamento nel settore agricolo, ha approvato in Giunta lo scorso 28 aprile il progetto presentato, che è stato ammesso a finanziamento”.

Grazie al finanziamento di questo progetto – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Gianni Giuffrida – il Comune procederà alla ristrutturazione dell’ex scuola rurale di contrada Genisi, di proprietà dell’Ente, per destinarla all’accoglienza residenziale dei lavoratori vittima di sfruttamento in agricoltura”.

“Ancora una volta – dichiara il vice sindaco con delega lo Sportello Europa dell’Assessorato allo Sviluppo Economico, Giovanna Licitra – in collaborazione con i Settori Servizi Sociali e Lavori Pubblici, ottiene un importante risultato per il Comune di Ragusa. Il progetto finanziato con questo Decreto e presentato sull’azione 7.1.2 del PON Legalità FERS FSE 2014-2020 con interventi per l’ospitalità dei lavoratori stagionali e il contrasto al caporalato in agricoltura, mira a ristrutturare e arredare l’ex Scuola rurale di Contrada Genisi ed a fornire un’attività di formazione. La struttura sarà in grado di accogliere 16 persone per volta e l’aula di formazione,individuata presso il Centro Polifunzionale di viale Colajanni, che potrà ospitare sino a 25 allievi per volta. Siamo stati subito interessati al bando in questione, non solo per la possibilità di ristrutturare e arredare decorosamente un immobile comunale da adibire a centro di accoglienza, ma anche per l’aspetto innovativo del progetto legato alla possibilità di formare sino a 25 persone per volta. Questa azione e le condizioni facilitate di ingresso con le quali potrà essere realizzata rappresenta, in particolare, la vera innovatività dei progetti finanziati sull’Asse 7 perché è la porta di ingresso all’inclusione e ad una occupazione con i crismi della legalità. Ringraziamo sin da adesso anche i partner associati del progetto che sono il CPIA e l’associazione Proxima”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI