Omicidio Lucifora. Interrogato il parroco. Nulla di importante

Tempo di lettura: 2 minuti

Com’era prevedibile, dopo le sue dichiarazioni pubbliche, nell’ambito delle indagini sull’omicidio del cuoco modicano, Peppe Lucifora, ucciso il 10 novembre scorso a Modica, la magistratura inquirente ha interrogato Padre Giovanni Stracquadanio, parroco di San Giorgio. Le risultanze non hanno portato novità, come conferma il Procuratore della Repubblica di Ragusa, Fabio D’Anna: “Confermo che è stato sentito – dice il magistrato – e che non ha fornito alcun elemento di novità utile alle indagini»

In carcere, con l’ipotesi accusatoria di essere l’omicida, c’è Davide Corallo, carabiniere di Giarratana,  sospeso dal servizio e unico indagato. I dubbi restano: dal testamento fantasma al movente, passando per le abitudini del cuoco assassinato. Il procuratore capo di Ragusa, Fabio D’Anna, con il sostituto, Francesco Riccio, e gli investigatori, hanno sentito presso la caserma dei carabinieri di Modica, padre Giovanni Stracquadanio – che era già stato, comunque, sentito dagli inquirenti – a seguito del dibattito innescato da alcune interviste rilasciate dallo stesso parroco della chiesa di San Giorgio, al cui culto Lucifora era devoto.

Padre Stracquadanio non era del movente passionale e aveva insinuato dubbi su altre piste. Le sue dichiarazioni avevano provocato la reazione anche della famiglia del cuoco che lo invitava a rivolgersi alle autorità, se sapeva qualcosa, evitando illazioni.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI