Porto di Pozzallo. E’ il momento di fare sintesi

Porto di Pozzallo. E’ il momento di fare sintesi. Di coordinare una mirata azione strategica. Di tirarsi fuori dalle secche paesane della “forza di inerzia”, della “casualità”, del “fai da te”, del “va bene così”.

Che non va affatto bene rispetto alle enormi potenzialità di una infrastruttura progettata e realizzata per produrre lavoro, benessere e ricchezza per il territorio, la provincia, l’area del Sud Est.

Nel corso degli ultimi quindici anni, con riferimento al fenomeno migratorio,  giornali e Tv hanno purtroppo contribuito a diffondere nel mondo una immagine negativa di Pozzallo, Centro di primo soccorso – hotspot, città degli sbarchi e della emergenza senza fine.

Messaggio riduttivo, equivoco, fuorviante. Soprattutto dal punto di vista turistico. Meno male che, alla fine, la forza della verità e della bellezza della splendida e laboriosa città di mare che ha dato i natali a Giorgio La Pira, siano riuscite comunque a superare di slancio gli ostacoli rappresentati da informazioni approssimative e sbagliate. Grazie anche  all’invidiabile offerta culturale e turistica rappresentata dallo splendore di questo meraviglioso angolo di terra mediterranea, dal fascino dei luoghi, dal mare azzurro, dalle spiagge dorate, dalla storica scogliera, dalla bontà di piatti e pietanze della tradizionale cucina marinara, da ristoranti, bar, gelaterie e posti di ristoro eccezionali, dalle accoglienti strutture ricettive, dall’ospitalità dei residenti e dal prezioso calendario dell’Estate Pozzallese ricco di eventi culturali, tradizionali, artistici, popolari e ricreativi.

La notizia di questi giorni sulla possibilità di concretizzare un accordo con importanti società di navigazione per programmare l’approdo di navi passeggeri al porto di Pozzallo, riveste una importanza vitale. Finalmente si comincia a pensare alla grande. Come è assolutamente necessario fare per superare il difficile momento storico in cui il Paese è precipitato a causa della terribile pandemia del Coronavirus. Il modo migliore per reagire, al di là di qualsiasi aiuto statale, seppure necessario e indifferibile,  è certamente quello della forza delle idee.

Rispetto a questo percorso virtuoso da intraprendere nell’interesse generale, l’incontro dei giorni scorsi organizzato nei locali della ex Provincia Regionale di Ragusa dal commissario straordinario, Salvatore Piazza, al quale incontro hanno preso parte il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, il comandante della Società di navigazione MSC, il pozzallese Pierpaolo Scala, il comandante della Capitaneria di porto, Pierluigi Milella, e il dirigente del Libero Consorzio dei Comuni responsabile del settore Lavori pubblici e Infrastrutture, Carlo Sinatra, è stato apprezzato e salutato con grande interesse da tutte le componenti produttive, economiche e sociali che vedono nel porto di Pozzallo un vero volano di crescita e sviluppo.

Per completare l’ottimo lavoro svolto dal commissario Salvatore Piazza, si attende ora da parte della Regione, come più volte sollecitato  dall’Associazione provinciale “Confronto”, di cui è presidente Enzo Cavallo, il provvedimento di nomina di un organismo di gestione dell’importante scalo marittimo ibleo.

 

 

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI