Forex trading: come farla diventare un’attività redditizia?

Il forex trading rientra nel 2020 fra le attività più redditizie che si possono fare online, anche se bisogna ammettere che non è certo una cosa per tutti. Non tanto perché ci vogliano chissà che titoli e competenze, anche se di certo un guru dell’economia potrà fare meno fatica, ma soprattutto perché è un po’ come fare sport: se si fa bisogna farlo bene e con impegno, altrimenti è solo una perdita di tempo. Se è vero insomma che il forex è un’attività redditizia ci vogliono impegno, tempo, determinazione per far sì che lo sia davvero. Sono questi gli elementi che premiano, infatti, visto che la conoscenza profonda dei mercati è imprescindibile e ardua.

Il forex trading

Ogni giorno migliaia di investitori sul mercato finanziario investono, rivendono, comprano monete in una determinata valuta, con l’obiettivo di rivenderla in un’altra con l’obiettivo di trarne profitto. Questo, ovviamente molto semplificato, è il mercato del forex. Prima di addentrarci nel dettaglio è bene sapere che se un tempo questo tipo d’attività la si faceva fisicamente in Borsa o in banca, oggi la si fa prevalentemente online, dove le cose sono più rapide, accessibili e semplici per tutti.

La compravendita di valuta, nonché quella di azioni, si fa prevalentemente online sui broker del settore. Il broker è la piattaforma sulla quale il trader si forma, segue i mercati, fa investimenti, perde, guadagna e fa ogni attività connessa a questo genere d’attività. È per questo motivo che la scelta del broker è importantissima, va fatta con coscienza e, senza farsi prendere dalla fretta, va selezionato un broker ufficiale, riconosciuto, sicuro. Tutto quello che c’è da sapere per sceglierlo lo puoi trovare qui: brokerforex(puntoIT).

Come funziona, a grandi linee, il forex trading?

Nel forex, come detto, si compra una moneta in una data valuta e si rivende ad un’altra in base all’andamento delle stesse per trarne, infine, profitto. È chiaro quindi che in sostanza si scambiano valute: per ogni transazione ci saranno di conseguenza una coppia di valute. Ed è infatti in termini di coppia di valute che si ragiona in questo genere d’attività. La moneta più scambiata è ovviamente il dollaro USA e anche l’euro. Quando si tratta con questo tipo di valute, la dicitura sarà questa: EUR/USD.

La prima valuta indicata è quella di “base” e assume valore unitario, cioè 1; mentre la seconda valuta è quella con cui si scambia. Con il valore si indicherà quindi per 1 euro, per esempio, quanti dollari americani occorreranno (1,29 dollari, circa di solito). Questo lo si può fare con tutte le valute del mondo: il panorama quindi è ampissimo. C’è da dire che non tutti i broker trattano tutte le valute del mondo, anche se di solito quelle più comuni non mancano mai. In base ai propri interesse, quindi, bisognerà scegliere il broker ideale.

Come si comincia?

Il mercato azionario e della compravendita di valute è un mondo arduo nel quale destreggiarsi, per questo ci vuole un’adeguata formazione e una buona dose di sangue freddo. Chi non ha voglia di studiare, non ha tempo, non ha voglia di solito finisce per perdere denaro, oltre che tempo, quindi è vivamente sconsigliato stare alla larga da questo tipo d’attività. Se però questi elementi ci sono, anche di fronte a competenze nel settore pari a zero, le speranze ci sono e non poche. Il segreto è approcciarsi nel modo giusto con la tenacia e la determinazione di un leone e l’umiltà in punta di piedi e la riflessività dell’agnello.

Il primo passo, quindi, per approcciarsi a questo tipo di attività è proprio quello di studiare per capire come si fanno le cose e a cosa ci si riferisce quando si citano determinati vocaboli del settore. Ai profani il linguaggio del forex sembra davvero quasi una lingua straniera, quando in realtà si tratta di capire sono i concetti per iniziare a muoversi. Capite le basi non bisogna, inoltre, mai sottovalutare l’allenamento, cioè la possibilità di provare ad entrare nel vivo del forex utilizzando un portafoglio virtuale come viene proposto nelle versioni demo offerte dai migliori broker online. Poi? Poi si parte con l’attività vera e propria e gli strumenti per farlo sono: il capitale iniziale, la piattaforma per fare trading forex, gli strumenti per fare un’analisi tecnica del mercato.

 I vantaggi del trading forex: perché piace

Dal quadro emerso sino ad ora qualcuno potrebbe spaventarsi poiché è chiaro che il trading forex è di certo un’attività impegnativa e non proprio facilissima da comprendere, né tantomeno nella quale destreggiarsi. In tutto questo non bisogna comunque dimenticare che il forex è anche un’opportunità e un’attività che piace e che riserva molti vantaggi.

Operare con i broker permette di guadagnare, innanzitutto, in misura diversa in base ai casi e all’esperienza: chi comincia e ha poco da investire può farlo in piena libertà, ottenendone un piccolo guadagno o, con un po’ di naso, magari anche qualche grande guadagno. Con l’esperienza, in tutti i casi, i capitali che si guadagneranno e di conseguenza la disponibilità di liquidità che si ha da investire sarà sempre di più. Il forex, quando si diventa più esperti, può anche essere un lavoro vero e proprio e non solo, anche un’attività che appassiona e quindi diverte.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI