Un avisino Ragusano nella task force di Bressanone

Nuccio Zisa, componente del Direttivo Avis di Ragusa, è stato chiamato a far parte della Task Force regionale del Trentino che opera in stretto contatto con il Ministero della Salute e con la Protezione Civile. Il gruppo operativo sanitario è stato attivato in quella regione per rafforzare i controlli e gli accertamenti di tante persone risultati positivi al Corona Virus. E’ un’emergenza sanitaria che ha chiamato le migliori forze della nazione. In questo momento Zisa (al centro nella foto) si trova a prestare la sua opera umanitaria e professionale nel gruppo di Bressanone, (Trentino Alto Adige- Bolzano). La sua presenza attiva conferma che in momenti di crisi sanitaria e umanitaria, l’unico obiettivo è quello di salvare quante più vite possibile, a prescindere dal colore della pelle, dalle origini e dalla diversa cultura.                “Caro Nuccio- dichiara il vice presidente dell’Avis Comunale di Ragusa,  Turi Schininà – sei un esempio e ti ringraziamo per averci dato tangibile testimonianza di come si può vivere la solidarietà con i molti fatti e niente parole. Grazie ancora”. “Nuccio ha offerto- conclude il Presidente Avis Paolo Roccuzzo- la sua disponibilità all’appello fatto qualche mese fa dal ministero della salute per fare parte della task force per affrontare il problema del coronavirus. È stato selezionato e chiamato, assegnato a Bressanone dove ha iniziato proprio ieri. A Nuccio vanno i complimenti per il coraggio e l’apprezzamento per la sua sensibilità e lo spirito di sacrificio”.

 

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI