Vittoria. Disservizi all’ufficio idrico comunale. Evitare processi mediatici

Il Personale dipendente del servizio idrico del Comune di Vittoria viene tirato in ballo per presunte gravi inadempienze e responsabilità sull’attuale crisi idrica della città. Da una lettura dei giornali si apprende che è stata avviata un’indagine per individuare alcuni dipendenti “infedeli”, con il sospetto che alcuni di questi agiscano in mala fede e perseguano interessi non in linea con i doveri d’ufficio.
In una nota a firma della FP-CGIL ( Gaetano Bagnato – Nunzio Fernandez – Margherita Giallongo – Giovanni Purrometo – Giovanni Raniolo – Giuseppa Ravalli – Giuseppe Salerno – Gabriella Punto) e della CISL – FP (Silvana Cilia – Giuseppe Ricca –Francesco Zammitto) inviata ai Commissari del Comune di Vittoria, al dirigente Direzione Ecologia, al Segretario Generale, al medico Competente e al RSPP si legge tra l’altro:

“Condividiamo l’iniziativa dei Commissari dell’Ente sull’avvio di un’indagine interna per appurare eventuali responsabilità a carico di quei dipendenti che svolgono il loro servizio in maniera poco trasparente e se accertate responsabilità, non saremmo certamente noi a difenderli, ma sarebbe stato, a nostro avviso, opportuno aspettare le risultanze dell’indagine, prima di rilasciare dichiarazioni, che potrebbero generare affrettati processi mediateci verso un’intera categoria, con il rischio di far venir meno il rispetto verso quei dipendenti che quotidianamente, fra mille difficoltà non risolte, da parte di chi gestisce il servizio e da chi amministra la città, svolgono con correttezza il loro servizio e mal tollerano sospetti, non provati, sul loro operato.
Auspichiamo che l’indagine permetta di scoprire i responsabili delle attività contrarie ai doveri d’ufficio e che produca al più presto gli opportuni riscontri, anche perché, non vorremmo si ripresentasse la stessa situazione di qualche anno fa, quando fu avviata un’indagine, della quale non se ne conoscono gli esiti, per la sparizione delle chiavi utilizzate dagli addetti per le manovre alla rete idrica, non vorremmo, si trattasse degli stessi irresponsabili che hanno, in qualche modo, contribuito a offendere un’intera comunità, per l’eco che ha avuto la notizia, apparsa sugli organi d’informazione e stampa nazionale.
Non vi è alcun dubbio, che la presenza di soggetti irresponsabili in un difficile contesto, quale di fatto è il servizio idrico, ci inquieta e non poco e inquieta di più i cittadini che pagano il canone idrico e che reclamano un bene primario come l’acqua, specie nel periodo Covid 19 che richiede il massimo impegno in termini di igiene e profilassi della popolazione, ma anche perché, comportamenti inopportuni e poco trasparenti aggreverebbero una situazione, già delicata di suo.
Apprendiamo dai lavorati di alcune rilevanti criticità nel servizio idrico, alcune di esse, presenti da molto tempo e purtroppo non ancora definite, ci riferiamo ad esempio alle condizioni della rete idrica, definita dagli addetti un colabrodo, tale impietoso stato, neutralizza qualunque sforzo messo in campo dagli addetti e anche il tentativo di fare delle manovre di aggiustamento per far affluire un maggior volume di acqua nel circuito cittadino non sempre raggiunge l’obiettivo di stabilizzare la situazione, ci preoccupa purtroppo sentire, che lo scarto in negativo, tra i litri di acqua immessi nella condotta, rispetto a quelli che raggiungono le abitazioni dei vittoriesi, in alcuni casi sfiora il 50%, sarebbe quindi quando mai opportuno un intervento radicale per il rifacimento della condotta idrica cittadina, non possiamo che condividere i passaggi effettuati con i vertici della Regione Sicilia per il finanziamento della nuova rete idrica.
Risulta evidente che il tutto viene governato in un equilibrio estremamente fragile e basta una minima diminuzione della portata delle acque per creare seri problemi di approvvigionamento, ma non solo, anche la manutenzione, che viene fatta da una ditta esterna, per carenza di Personale, risulta inadatta atteso che l’impianto è talmente vecchio, da rendere problematico anche un semplice intervento di routine, in questo caso è di poco aiuto lo zelo e l’abnegazione dei dipendenti e dell’intera direzione per risolvere i problemi.
Alle problematiche della condotta idrica in pessime condizioni, si aggiunge la riduzione del livello delle falde acquifere, l’esiguità del Personale impegnato nel servizio idrico, che a causa dei continui pensionamenti, di recente ha raggiunto una consistenza allarmante e comunque del tutto inadeguata rispetto ai servizi, tant’è che da qualche hanno, risulta eliminato un turno di servizio. Si aggiunge a questa problematica l’annosa criticità dovuta al parco mezzi in dotazione al Settore, costituito per lo più da mezzi insicuri, al limite della rottamazione, che pervengono al Servizio Idrico, dopo anni di onorato servizio presso altre Direzioni (Polizia Municipale), tale stato del parco mezzi, quasi rottami, causa inopportuni e frequenti fermi per ricovero in officina, contribuendo a inevitabili rallentamenti nel servizio.
Invitiamo pertanto i destinatari della presente ad avviare i dovuti controlli, altresì sulle criticità evidenziate in nota, al fine di provvedere nell’immediato alla rimozione delle stesse, si ritiene altresì importante effettuare una ricognizione sulle condizioni di sicurezza del personale dipendente, evidenziate in nota, ma anche rispetto ai contesti lavorativi in cui operano quotidianamente gli addetti del servizio idrico, in particolare le strutture fatiscenti dei serbatoi d’accumulo, quelle dei pozzi e le condizioni di sicurezza dei quadri elettrici di alimentazione delle pompe, particolare attenzione va riservata altresì all’attività di clorazione, va inoltre evidenziato la necessità di fornire i DPI necessari allo svolgimento del servizio, avvalendosi delle prescrizioni del RSPP. “

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI