17 Maggio: Giornata Mondiale contro l’omofobia

Il 17 maggio del 1990 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha cancellato l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali. Come un virus che respiriamo sin dalla nascita l’omofobia, la bifobia e la trans fobia rappresentano una pandemia silenziosa. Ed in un periodo come questo in cui il Covid-19 ci ha costretti ad allontanarci gli uni dagli altri per paura del contagio, risuona più forte la necessità di saper conoscere la realtà omosessuale per “distanziarci socialmente” da alcuni pregiudizi.
Da quel 17 maggio sono stati fatti tanti passi avanti contro la discriminazione delle persone gay, lesbiche, bisessuali, transgender. Ma molto rimane ancora da fare. Perché sia chiaro, la malattia non è l’omosessualità ma l’omofobia.
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dichiarato: «Le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale costituiscono una violazione del principio di eguaglianza e ledono i diritti umani necessari a un pieno sviluppo della personalità umana che trovano, invece, specifica tutela nella nostra Costituzione e nell’ordinamento internazionale». Ricordando che «è compito dello Stato garantire la promozione dell’individuo non solo come singolo, ma anche nelle relazioni interpersonali e affettive. Perché ciò sia possibile, tutti devono essere messi nella condizione di esprimere la propria personalità e di avere garantite le basi per costruire il rispetto di sé».

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI