Ragusa. Tavolo di confronto a sostegno di imprese in crisi

Il vice sindaco con delega allo sviluppo economico Giovanna Licitra, si è fatta promotrice di un tavolo di confronto, svoltosi nella giornata di ieri in videoconferenza, a cui hanno aderito i colleghi assessori dei comuni iblei in rappresentanza delle rispettive amministrazioni oltre al commissario straordinaria del Comune di Vittoria, Gaetano D’Erba, che è servito a produrre una serie di richieste su più fronti in particolare per quello del settore produttivo da presentare al Commissario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Salvatore Piazza.
Nel documento elaborato le parti auspicano che il rappresentante dell’Ente di Viale del Fante valuti alcune ipotesi di intervento nei confronti delle PMI ragusane entrate in sofferenza a causa dell’emergenza sanitaria determinata dal Covid 19, utilizzando, con tutte le possibili modalità consentite dalle disposizioni, i Fondi Ex-Insicem non ancora impegnati ed effettivamente disponibili, convocando, per un costruttivo confronto, un tavolo di lavoro, anche in remoto, con i rappresentanti dei Comuni Iblei. I rappresentanti degli enti locali chiedono altresì che siano individuate in tempi brevi, con modalità semplificate e con chiarezza delle misure concrete sotto forma di interventi a sostegno delle imprese, tenendo conto delle nuove esigenze che queste ultime riscontrano a fronte dell’attuale emergenza sanitaria e con l’obiettivo di garantire la tenuta economica di un territorio che pur essendo il meno esteso della regione Siciliana, è sicuramente tra i più operosi e per questo tra i più recettivi di ogni possibile sostegno e tra i più pronti a dimostrare, come sempre, di voler andare avanti.
Nella premessa del documento inviato al Commissario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa si fa, tra l’altro, presente che le risorse Ex- Insicem rivestono la duplice valenza di risorse destinate ad assicurare il soddisfacimento certo ed immediato di alcune azioni prioritarie, ma altresì a costituire un forte elemento propulsivo per l’attivazione di ulteriori risorse, cosa quanto mai necessaria in questo particolare momento di crisi economica storica. Rimarcata altresì la considerazione che a seguito della crisi sanitaria determinata dal Covid 19 anche le piccole e medie imprese che operano nell’ambito della circoscrizione del Libero Consorzio Comunale di Ragusa versano in una condizione di estrema difficoltà economica sia in ragione della sospensione delle attività che del minore consumo consequenziale alla crisi, per cui anche le imprese le cui attività non sono state sospese in realtà hanno registrato un azzeramento o una riduzione importante dei volumi d’affari, con una lievitazione importante delle passività.
“Questo nuovo documento – dichiara il vice sindaco Giovanna Licitra – fa seguito a quello prodotto in un precedente tavolo di confronto con gli stessi attori svoltosi nel mese di aprile inviato al Governo regionale siciliano al quale fu chiesto di individuare in tempi brevi e con chiarezza i criteri e i tempi della ripartenza economica, tenuto conto sia degli sviluppi della emergenza sanitaria, sia della esigenza di garantire la tenuta sociale ed economica del territorio. Ritengo infatti utile avviare una interlocuzione con le altre Istituzioni e con gli altri attori locali per condividere e attuare una programmazione che includa strumenti efficaci per aiutare le imprese e quindi il motore dell’economia a recuperare la liquidità e la produttività bloccate e purtroppo, in alcuni casi, cancellate dall’emergenza sanitaria”.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI