Modica: aggredisce la polizia locale, il pomeriggio evade

Arrestato due volte in poche ore un pregiudicato vittoriese, nel corso di un’operazione congiunta  Carabinieri e polizia locale di Modica L’uomo di origini nissene è accusato di violenza, minaccia e lesioni a pubblico ufficiale.
La vicenda era iniziata nel corso della mattinata di ieri, quando un voce maschile aveva più volte ha telefonato al Comando di polizia locale, chiedendo specificatamente di due agenti, perche avevano sanzionato un paio di settimane fa il figlio venuto da Vittoria con amici, nel corso dei controlli Covid-19, minacciando di volerli uccidere tutti i vigili”. Da premettere che anche all’epoca della contestazione dei verbali al congiunto, l’uomo aveva telefonato alla Centrale minacciando di morte gli agenti. Ieri, dopo le due telefonate minacciosee, il pregiudicato,  già sottoposto a libertà vigilata ed ospite di una comunità di Modica, nei pressi di un esercizio commerciale di Via Vittorio Veneto, ha  avvicinato una pattuglia della “Municipale”, impegnata nei controlli di un supermercato, inveendo contro i due agenti, dopo avere chiesto con nomi e cognomi dei due colleghi che avevano elevato la contravvenzione ai suoi parenti(allora erano in tre a bordo del mezzo controllato). Il vittoriese non si era limitato a minacciare gli agenti ma aveva anche sferrato uno schiaffo ad uno di questi. I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, intervenuti tempestivamente in supporto dei colleghi hanno bloccato l’uomo ed aiutato il personale della polizia locale nell’identificazione. Al termine delle operazioni, l’agente è dovuto ricorrere alle cure del caso presso l’ospedale Maggiore, e l’uomo, Antonino Puzzo, pluripregiudicato di 46 anni, è stato arrestato  e sottoposto ai domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria iblea.
Nel pomeriggio, Puzzo si era allontanato arbitrariamente dalla comunità, dove il magistrato lo aveva destinato per i domiciliari  in attesa di giudizio. Scattate immediatamente le ricerche, una pattuglia della Stazione di Modica ha intercettato l’interessato  nei pressi di Via Risorgimento e lo ha bloccato. Al termine delle formalità, lo stesso è stato arrestato per evasione dagli arresti domiciliari e  posto a disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura di Ragusa, Santo Fornasier, che ne ha disposto la traduzione ai domiciliari in attesa di giudizio.

L’operazione ha reso concreta la collaborazione tra le due forze di polizia ed ha mostrato la tangibile presenza dell’ Arma dei Carabinieri sul territorio modicano, ove ogni giorno vengono proiettati molteplici servizi di prevenzione e controllo del territorio.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI