Scicli. Sportello ascolto per adolescenti, assicurato servizio

Il progetto “Costruiamo il Futuro” nell’ambito del contrasto alla povertà educativa, di cui il Comune di Scicli è soggetto ospitante, continua le sue attività anche a distanza. A darne notizia il sindaco Enzo Giannone e l’assessore Caterina Riccotti.
In un momento così cruciale, legato all’emergenza Covid 19, le attività in presenza sono sostituite da attività che possono continuare in remoto sfruttando le nuove tecnologie.
Una delle attività previste riguarda gli adolescenti frequentanti le prime classi delle medie superiori, le loro famiglie e i loro docenti. E’ infatti attivo uno Sportello di Ascolto che permetterà una continua vicinanza e confronto fra tutti per mitigare paure, rispondere a quesiti e bisogni.
Lo Sportello di Ascolto sarà un servizio capace di valorizzare:
il ruolo insostituibile delle famiglie nella loro funzione educativa;
la creatività e capacità di resilienza degli adolescenti;
la capacità nella gestione di eventuali conflitti emotivi legati alla situazione attuale;
la gestione delle dinamiche educative a distanza;
orientare, eventualmente, verso altri Enti le richieste non strettamente di supporto psicologico e socio – educativo
Questo il numero a cui chiamare 389 98 06 331.
Risponderà personale specializzato (assistenti sociali, psicologi–psicoterapeuti) capace di sostenere ascoltare ed orientare i ragazzi, i genitori, i docenti.
Questi i giorni e gli orari
Martedì e Giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 dalle ore 15.00 alle ore 17.00.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI