Il Consiglio Comunale di Modica si prepara a lavorare in videoconferenza

In attesa che ci siano le condizioni ideali e di sicurezza per tornare a riunirci nel luogo deputato alle nostre assisi, l’aula ‘Paolo Garofalo’ di Palazzo San Domenico, insiemi ai colleghi del civico consesso, abbiamo ritenuto opportuno, verificandone già la fattibilità, lavorare in videoconferenza.
Una decisione presa già da qualche settimana, in conferenza permanente dei capigruppo, afferma il Presidente del Consiglio Comunale di Modica Carmela Minioto,in ossequio al nostro dovere di affrontare i temi importanti della Città ma, al contempo, di osservare i dettami delle leggi attuali che vietano assembramenti e che impongono una distanza sociale che la nostra aula, oggi, non è in grado di garantire.
Il consiglio comunale di Modica, è oggi pronto a lavorare in videoconferenza e comunque, come Presidente dell’assise, ho già chiesto al Segretario comunale di individuare un luogo idoneo, di proprietà dell’ente, dove tenere le sedute del consesso, rispettando le distanze sociali e evitando gli assembramenti, nel caso in cui difettino i sistemi tecnologici.
Sono infatti convinta, conclude Minioto, che il confronto ideale, debba avvenire in modo reale e non filtrato dalla tecnologia ed è per questo che in tempi stretti, sarà indicato il luogo dove tenere, fisicamente, le sedute consiliari.
In ogni caso, è già in programmazione una convocazione del consiglio comunale per la prossima settimana, in modo da ricominciare l’attività istituzionale.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI