Imprenditore e piantagione di droga a S.Croce. Va ai domiciliari

0
401

Ha ottenuto la detenzione domiciliare il ragusano V.A., 53 anni,  “amministratore di fatto” di un’ azienda florovivaistica di Santa Croce Camerina, arrestato nelle scorse settimane dalla Guardia di Finanza insieme ad un rumeno, 53 anni, O.C.R., “gestore” di un fondo agricolo, indagati per produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti mediante la coltivazione di una vasta piantagione di marijuana dai possibili guadagni milionari. E’ stato il Tribunale del Riesame di Catania ad accogliere la richiesta del difensore dell’uomo, l’avvocato Enrico Platania, con la quale ha disposto che il 53enne lasciasse il carcere di Ragusa.
L’indagine delle fiamme gialle avevano portato al sequestro, in località “Finocchiara” o “Menta”   di Santa Croce Camerina   di una piantagione di “cannabis indica”, costituita da circa 7.000 piante trovate in piena fioritura e pronte per la raccolta, per un peso complessivo di 5 tonnellate. Erano state individuate  quattro serre collocate in una vasta area di oltre 10.000 mq in una zona agricola che si estende nell’impervio entroterra a ridosso della Strada Provinciale 85.
Le piante di marijuana,  di altezza media tra i 150 ed i 200 cm, erano ben occultate alla vista di eventuali osservatori, all’interno delle serre, da una “barriera” di ortaggi ad alto fusto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

diciassette − tredici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.