Da Genova a Livorno a Modica: 44 le città candidate a Capitale Italiana della Cultura 2021

11
2131

E’ stata resa nota dal Ministero dei Beni Culturali   la rosa delle città  candidate a diventare Capitale Italiana della Cultura 2021. Sono 44 di  17  diverse regioni: le uniche tre regioni che non hanno espresso candidature sono la Val d’Aosta, il Trentino Alto Adige e l’Umbria. Tutte le altre hanno almeno una candidatura. Ecco quali sono:

Abruzzo: L’Aquila;

Basilicata: Venosa;

Calabria: Tropea;

Campania: Capaccio Paestum, Castellammare di Stabia, Giffoni Valle Piana, Padula, Procida, Teggiano;

Emilia Romagna: Ferrara, Unione dei Comuni della Bassa Reggiana, Unione dei Comuni della Romagna Forlivese;

Friuli Venezia Giulia: Pordenone;

Lazio: Arpino, Cerveteri;

Liguria: Genova;

Lombardia: Vigevano;

Marche: Ancona, Ascoli Piceno, Fano;

Molise: Isernia;

Piemonte: Verbania;

Puglia: Bari, Barletta, Molfetta, San Severo, Taranto, Trani, Unione Comuni Grecia Salentina;

Toscana: Arezzo, Livorno, Pisa, Volterra;

Sardegna: Carbonia, San Sperate;

Sicilia: Catania, Modica, Palma di Montechiaro, Scicli, Trapani;

Veneto: Belluno, Feltre, Pieve di Soligo, Verona.

La più grande è Genova, la più piccola è Arpino (in provincia di Frosinone), città famosa per aver dato i natali a Cicerone e al Cavalier d’Arpino, il grande pittore cinquecentesco dalla cui bottega passò anche Caravaggio, e nota per la sua bellissima acropoli detta “Civitavecchia”, per il suo centro storico che racchiude vestigia di ogni epoca, e per il Certamen Ciceronianum Arpinas, il campionato di traduzione dal latino che ogni anno richiama i migliori studenti in latino del mondo.

Entro il 2 marzo, le città candidate dovranno presentare i loro dossier, che saranno esaminati da una giuria di sette esperti: il 30 aprile verranno selezionate le dieci finaliste, e il nome della città vincitrice sarà stabilito dopo le audizioni che si terranno entro il 10 giugno, giorno durante il quale il MiBACT annuncerà il nome della Capitale Italiana della Cultura 2021. Alla vincitrice andrà un milione di euro per la realizzazione del programma. Quella del 2021 sarà la sesta capitale italiana della cultura: nel 2015 furono Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena, nel 2016 Mantova, nel 2017 Pistoia, nel 2018 Palermo, nel 2019 il titolo non è stato assegnato in quanto Matera è stata capitale europea della cultura, e nel 2020 la capitale è Parma, dove si terrà l’inaugurazione dell’anno da capitale tra l’11  il 13 gennaio con una ricca serie di appuntamenti.

11 Commenti

  1. Sig. Sindaco, come tutti i cittadini modicani, siamo soddifatti che la nostra città può finalmente concorrere al titolo di “Capitale italiana della cultura 2021”. Dopo il pasticcio del 2017, con l’annuncio di una inesistente candidatura e dopo avere presentato quest’anno l’istanza soltanto un giorno prima del termine, ci preoccupiamo che lei sottovaluti la prossima scadenza che, come è noto, è fissata al 2 marzo prossimo, data entro la quale Modica deve presentare un nutrito e documentato dossier per la valutazione tra le città concorrenti. Il suo agire ondivago non ci tranquillizza. Dopo avere istituito un primo comitato nel marzo del 2018, recentemente ha già annunciato di costituirne uno nuovo. Le proponiamo invece di coinvolgere tempestivamente la commissione del Consiglio comunale che si occupa di cultura, dandole mandato a coinvolgere personalità, scuole, esperti, associazioni e quanti vorranno contribuire a partecipare ad un lavoro determinante e impegnativo.

  2. Una Modica Capitale non avrebbe un’amministrazione idonea per gestire un così importante evento .
    Mancano le competenze , le conoscenze e le capacità amministrative degli amministratori ..
    Amministrazione troppo impegnata in un esibizionismo malato e distruttivo , da sempre al lavoro nel raccattare consensi elettorali senza fare Politica Seria .
    Invece di ridurre il debito di 64.000.000 , che Buscema porto a galla con certosina azione , lo ha praticamente raddoppiato . . . se non oltre .
    Ed al fine di cercare di “accecare” i contribuenti ed i bilanci ha fatto inviare cartelle tributi doppie o triple a parenti conviventi …
    Questo per Volontà amministrativa .

  3. Vorrei chiedere al signor Sindaco se il mio cane deve aspettarsi una cartella della spazzatura dato che ne è arrivata una per ogni componente! !! Modica avrebbe diritto ad essere eletta ma con un altra amministrazione però.

  4. Modica capitale italiana della cultura, sarebbe un’occasione unica da non mettere in disparte, anzi andrebbe zoomata sotto i riflettori per la notorietà culturale che andrebbe a riscontrare, e per il flusso turistico che porterebbe benessere e progresso, sotto la spinta di un impegno amministrativo che andrebbe a vele spiegate approfittando di un vento a favore quale la volontà di voler progredire.

  5. Sindaco di Modica Ma gli eventi culturali a cui vi riferite sono la sagra del capanno di plastica del cioccolato e i concerti di dj degli anni 90 a Marina?
    Vi sembrerà pazzesco ma gli eventi culturali vengono organizzati da operatori che hanno “ cultura”non dai nipoti degli amici degli amici che hanno terminato l’istituto professionale Da poco .
    Nessuna possibilità per Modica .

  6. Vorrei chiedere alla cara Lucy, che spero sia puri-laureata con lode cosa ha da dire contro chi frequenta un istituto professionale?
    Scuole rispettabilissime che formano molti giovani e li immettono nel mondo del lavoro.Si può benissimo avere cultura frequentando tali istituti e si può benissimo essere degli ignoranti presuntuosi come penso sia Lei laureandosi in qualsiasi facoltà.
    Saluti cordiali.

  7. Solita opposizione
    Solito chiaccherare
    Ma dai
    Queste sono occasioni uniche x gala nostra bella città..

  8. Qualcuno si scandalizza per il fatto dell’istituto professionale, ci si dovrebbe scandalizzare che tutto viene fatto “alla fratisca”; a buon intenditor poche parole!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

5 + 20 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.