Modica. Dimensionamento scolastico, proposta condivisa che arriva dal mondo della scuola

1
1555

“Sono rimasto stupito per vari motivi nel leggere oggi le dichiarazioni delle RSU in merito al dimensionamento scolastico a Modica. Stupisce principalmente come una proposta nata esclusivamente dal mondo sindacale e scolastico trovi contrari le stesse RSU che fanno parte del sindacato. Mancanza di comunicazione tra i vari livelli sindacali? L’Amministrazione in questa fase, afferma il Primo Cittadino di Modica Ignazio Abbate, è stata soltanto l’organismo che ha convocato le riunioni, nessuna proposta è uscita fuori essendo stata demandata in toto alle organizzazioni sindacali e istituzioni scolastiche la facoltà di presentare le proprie osservazioni. A riprova di quanto affermato ci sono i verbali delle tre riunioni tenute con rappresentanti sindacali e dirigenti scolastici. Anzi, approfitto dell’occasione per ringraziare tutti gli attori che hanno recitato un ruolo primario in questa delicata fase di concertazione. Penso che mai la scuola sia stata così protagonista del proprio futuro. Stupisce, inoltre, che si faccia riferimento ad un accordo siglato tra Amministrazione e Sindacati quando la parte politica ha solo preso atto della proposta in attesa di ratificarla. Preparata in separata sede dal mondo sindacale e scolastico e messa a disposizione del tavolo tecnico nel corso della terza riunione, la proposta è espressione della volontà di tutti gli attori protagonisti ma non ha avuto ancora l’approvazione definitiva. E’ probabile che venga accettata perché l’Amministrazione Comunale deve prendere atto della volontà del mondo scolastico, anche se sono ancora possibili cambiamenti sempre di concerto con tutti gli interlocutori. L’interesse primario è quello di mantenere inalterati i posti di lavoro attualmente esistenti ed anzi incrementarli grazie al superamento della quota 1000 per ogni Istituto coinvolto, cosa che per’altro è stata raggiunta in virtù di questa nuova ridistribuzione”.

1 commento

  1. Come sempre non è possibile comprendere di chi è la colpa o la responsabilità. Il solito scaricabarile per confondere ancor di più le acque e rendere torbide le acque per mettere tutto a tacere e nel frattempo agire all’insaputa di tutti.
    Attori protagonisti, semplici comparse, figuranti, doppiatori, suggeritori.
    Il Maestro Camilleri avrebbe ancora potuto scrivere pagine e.pagine di storia fintamente vera o veramente finta.
    Gli unici a pagarne le conseguenze saranno come sempre gli alunni, i genitori e parte del personale della scuola, quella parte che è la sostanza vera.
    Non quella effimera che però purtroppo comanda e tira le fila a discapito di tutti e solo per soddisfare i propri interessi.
    Il solito Francesco Cicero
    Assistente Amministrativo dell’Istituto S. Marta – E. Ciaceri di Modica

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

uno + 16 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.