Il Festival del cinema archeologico chiude con due capolavori. “La meravigliosa Persepoli” e “Il mistero di Tutankhamon”. Il premio “Città di Modica”

0
382

Gran finale per la Prima edizione del Festival internazionale del Cinema Archeologico di Modica, la rassegna di film-capolavoro dedicata a chi ama viaggiare indietro nel tempo.
Nella serata conclusiva sarà proposto al pubblico Persepoli, il paradiso persiano di Angès Molia e Raphaël Licandro. Il documentario conduce gli spettatori sugli altopiani iraniani dove si trova la culla di una delle più grandi civiltà di costruttori: i Persiani. Recenti scoperte svelano Persepoli come una città tra le più ricche del mondo antico, un Eden tra le montagne persiane.
Seguiranno l’atteso incontro/dibattito con Giovanni Distefano (direttore Parchi archeologici di Cava d’Ispica e Camarina) e l’Assegnazione del Premio “Città di Modica” per il film più gradito al pubblico.
Infine sarà proiettato fuori concorso il pluripremiato Tutankhamon, i segreti del faraone: un re guerriero di Stephen Mizelas. Il film cerca di rispondere ad alcuni importanti interrogativi su una delle figure più controverse della terra dei faraoni: chi era veramente? Un fragile re-bambino o un signore della guerra? Morì di malattia o venne ucciso in battaglia? Tre oggetti con cui il faraone riposa aiutano gli archeologi a rivelare il suo vero volto…
La manifestazione è organizzata da Comune di Modica insieme ad Archeologia Viva/Firenze Archeofilm e direzione Parco Cava d’Ispica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

4 × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.