Su quanto accaduto in queste ultime settimane nel mondo universitario. Riceviamo e pubblichiamo

Assistiamo, sempre più increduli, a scandali che coinvolgono la nostra Bella Penisola. Adesso è stata la volta dell’università, una (a mio modesto avviso) delle istituzioni più importanti di uno Stato, visto che possiede l’arduo compito di formare la nuova classe dirigente. Questi, purtroppo, sono i danni del potere, e dei soggetti che ne sono dotati, che pur di predominare, riescono a scendere a patti, anziché essere onorati dei ruoli di prestigio che ricoprono. Ci troviamo in un sistema dove, ormai, i valori morali rivestono un ruolo secondario e questo a nostro discapito; ma ancora (forse) non ce ne rendiamo conto, o meglio, non vogliamo rendercene conto. Tali clamori non fanno altro che svilire la figura dello Stato, non solo a livello internazionale (cioè statuale), ma anche a livello nazionale, facendo credere “all’italiano medio” che sia corretto delinquere, visto che i “potenti” lo fanno.
Le nuove generazioni, quindi, abbiamo un compito molto importante e allo stesso tempo difficile, cercare di modificare il sistema, facendolo diventare il più trasparente, leale e meritocratico possibile. Quindi vi chiedo: ve la sentite di spezzare il cordone ombelicale con la complicità e iniziare a rimboccarsi le maniche per cambiare?
Piergiorgio Ricca

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI