Modica, Abbate: Il decoro ambientale priorità del prossimo Presidente della Provincia

4
1068

L’ambiente, il decoro urbano, la pulizia, l’accoglienza. Sono alcune delle priorità che il prossimo Presidente della Provincia deve intestarsi per rilanciare la qualità della vita in tutto il territorio ibleo. Ad affermarlo è il Sindac di Modica Ignazio Abbate. All’indomani dell’elezione, la nuova guida politica di Viale del Fante dovrà redigere un piano straordinario di pulizia dei cigli stradali anche per scongiurare quello che è successo negli ultimi anni, cioè i tantissimi incendi che si sono registrati, su tutti la catastrofe che ci ha privati di un polmone verde come la pineta di Chiaramonte Gulfi. Sarà necessaria una bonifica totale per quanto riguarda le micro discariche presenti su tutte le arterie provinciali e statali che attualmente danno un’immagine indecorosa del nostro magnifico territorio ibleo ai tantissimi turisti che lo scelgono come meta per le proprie vacanze. Un aspetto da non sottovalutare assolutamente sarà quello di realizzare un piano organico per affrontare l’emergenza randagismo. Sono dell’opinione che occorre costruire rifugi sanitari e canili in ogni Città, gestiti dall’Ente Provincia, che diano supporto ai singoli Comuni che non riescono a gestire l’emergenza sia per mancanza di strutture sia per i costi esorbitanti che devono affrontare per trasferire i randagi in strutture al di fuori del nostro territorio. Ridefinire la perimetrazione del Parco degli Iblei partendo dalle indicazioni deliberate dai singoli consigli comunali perché esso rappresenti un’opportunità di crescita per quella parte di territorio a vocazione naturalistica/boschiva dove gli insediamenti produttivi sono scarsamente presenti. Viceversa è auspicabile che il perimetro del Parco non racchiuda al suo interno realtà territoriali ad alta intensità produttiva o quantomeno che i vincoli attualmente in vigore con il Piano Paesaggistico non siano ulteriormente restrittivi. Alla luce di tutto ciò, conclude Abbate, deve essere messo in campo un piano di valorizzazione del sistema della cave creando un percorso turistico ambientale e un sistema di tutela degli alberi monumentali autoctoni come carrubbe o ulivi che diventeranno una preziosa risorsa per questa branchia di turismo. Chiunque sarà il Presidente il prossimo 30 giugno, obiettivo imprescindibile sarà quello di coinvolgere in questo processo anche i piccoli comuni che ad oggi sono esclusi dai maggiori flussi turistici ed economici della Provincia.

4 Commenti

  1. A proposito di decoro io inizierei ripristinando l’illuminazione precedente nel centro storico, visto che quella attuale è veramente indecorosa.

  2. @ Gnaziu :
    Caru-gnazziu amministrare un territorio complesso come quello Ibleo , non è come amministrare il verde di casa .. non è tutto rose e fiori , e lavori di manutenzione .
    Forse e meglio che si occupi delle sue serre . . le sarà di sicuro più salutare .
    Certo avrà a seguito il gatto e la volpe a darle aiuto , che cercheranno di estendere la loro “azione”su un territorio più ampio e ricco . . . ma è bene prestare attenzione alle trappole legali .
    Le favole son favole . . . al territorio serve ben altro .

  3. @ Terrorista,
    Egregio signore, visto che lei sa fare solo terrorismo mediatico, perché alle prossime elezioni non si candida e fa vedere a tutti i cittadini di Modica come si gestisce un territorio così complesso come quello Ibleo?
    Questo per dirle che siamo tutti bravi a parlare, ma quello che conta sono i fatti.
    Esempio: i 5 stelle in Italia hanno promesso mare e monti e fino ad ora non hanno realizzato NIENTE, cose per cui ad ogni elezione perdono consensi.

  4. Hanno tolto il ciuccio a Cicciobello ??
    Il mio non è “terrorismo” mediatico , ma semplice constatazione della realtà .
    A parte la sua”faziosità”..palese nel suo commento , anche lei riconosce che a Modica è impossibile amministrare .-
    Fin a quando “gatto e volpe”non saranno trapassati a miglior vita .. o fermati dalla Giustizia , a Modica la Democrazia latiterà . .
    E questa amministrazione , come la precedente , ne è PALESE DIMOSTRAZIONE .
    E l’unico consigliere m5s presente in Consiglio , avrebbe dovuto da subito dimettersi e non cedere alle adulanti correnti sotterranee . .
    Ma il Tempo Galantuomo farà SENTIRE e VEDERE risposte a tutti coloro che sono sordi e non sentono ragioni , e ciechi perchè si rifiutano di guardare (guardare non è vedere !) .

    N.B. I cani sono in “caccia” . . auspichiamo per Modica ed i suoi cittadini che non si lasciano ammaliare da”versi e moine” di gatto e volpe . . .

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.