Modica, piante di fichi d’india pericolose cadono dal Castello Dei Conti

Nei pressi della casa natale di Salvatore Quasimodo ed alle conosciute “grotte vestite” che vengono visitate da tanti turisti, assistiamo ad uno spettacolo sgradevolissimo: una notevole quantità di piante di fichi d’india sono precipitate dal costone roccioso del Castello dei Conti, da tempo abbandonato,  soprattutto durante le i giorni di forte vento verificatosi il 23 e 24 febbraio scorso.

Lo denuncia il capogruppo di Forza Italia al Consiglio Comunale, Mommo Carpentieri, che, raccogliendo le istanze dei cittadini, ha immediatamente allertato l’Ente di Palazzo San Domenico.

“La mancanza di operazioni di scerbatura dei terrazzamenti del Castello dei Conti, sul versante prospiciente Via Posterla – segnala Carpentieri – ha causato la crescita esagerata delle piante di fichi d’india, che comunque fanno parte del paesaggio caratteristico della città ma che crescendo in modo selvatico e senza potatura diventano legnosi e deboli, soprattutto di fronte alle condizioni climatiche piu’ critiche. Nel tratto di Via Posterla, interessato dalla caduta delle piante, che hanno anche colpito i tetti di alcune abitazionivi abitano numerosi cittadini ed è “popolato giornalmente da centinaia di turisti, che visitano la casa natale del poeta e premio Nobel Salvatore Quasimodo”,

Carpentieri chiede di intervenire immediatamente al fine di scongiurare pericoli per l’incolumità pubblica ed il danneggiamento ulteriore delle abitazioni.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI