Bimbo di sei mesi morto a Comiso: indagata la madre. Autopsia conferma la rottura del braccio

0
867

L’esame autoptico ha rilevato la frattura del braccio del bimbo di sei mesi deceduto a Comiso lo scorso 19 febbraio. L’autopsia è stata eseguita nel capoluogo etneo dal professore Giulio Di Mizio, ed avrebbe evidenziato un pessimo quadro clinico del lattante che soffriva anche di una malattia congenita. La madre, una romena di 36 anni, è stata interrogata a lungo in Questura a Ragusa sulle condizioni del figlio e su come veniva tenuto in casa, e anche sul «buco» di ore intervenuto dall’ultima poppata alla chiamata al 118 per soccorrere il piccolo che era morto all’arrivo del personale medico.
Alla luce di quest’interrogatorio la madre del bambino è stata indagata per maltrattamenti in famiglia. La donna, tra l’altro, ha altri cinque figli, due in Romania, due in Tunisia, mentre un’altra bimba che viveva con lei le è stata tolta dal Tribunale dei minorenni di Catania in via cautelare. Sulla vicenda indaga la polizia coordinata dal procuratore di Ragusa, Fabio D’Anna, e dal sostituto Santo Fornasie

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

4 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.