Scicli. Colle San Matteo, Collina Croce, Chiafura e i percorsi. Incontro a Siracusa fra l’assessore Tusa e il vicesindaco Riccotti

0
1109

Si è tenuto ieri pomeriggio, a Siracusa, un incontro fra l’assessore regionale ai beni culturali Sebastiano Tusa e il vicesindaco di Scicli, con delega alla cultura, Caterina Riccotti. Tema del confronto lo stato di fruizione del bacino culturale compreso fra il Colle di San Matteo e la Collina Croce, ivi compreso l’aggrottato di Chiafura. E’ di ieri peraltro, una parallela missione dell’assessore all’urbanistica Viviana Pitrolo a Palermo per affrontare le questioni relative alla sicurezza dei siti in questione. Esiste infatti un problema di sicurezza e agibilità dei luoghi, senza la cui soluzione cade ogni ipotesi di accesso agli stessi per la fruizione turistica. Da due anni a questa parte la giunta Giannone sta lavorando proprio in tale direzione, chiedendo alla Regione la declassificazione del rischio lungo i versanti delle due colline. Sul colle San Matteo-Chiafura è stata condotta un’opera di messa in sicurezza, disgaggio e consolidamento, funzionale alla stabilizzazione dei frontoni rocciosi e alla percorribilità dei sentieri. Giova ricordare come sul colle che sovrasta Scicli, nel 2006, sono stati spesi un milione 218 mila euro. I Fondi strutturali Europei, nell’ambito del Programma Operativo Regionale Sicilia 2000-2006 (Asse I – Risorse culturali), hanno finanziato la progettazione e la realizzazione del percorso archeologico e storico-antropologico di Chiafura. Il lavoro progettuale è da inscriversi nell’ambito della prevista realizzazione del Parco Museo del colle di San Matteo, del quale il percorso di Chiafura costituisce la prima fase. Esso mira essenzialmente a ristabilire un grado minimo di coerenza e leggibilità nella struttura storica dei luoghi. Il Comune ha partecipato ai bandi successivi, e Chiafura è risultata finanziabile (quindi in graduatoria) ma non finanziata. Il vicesindaco Riccotti ha chiesto all’assessore Tusa l’inserimento, nella prossima Programmazione, che è in procinto di essere deliberata dalla Regione (e’ una questione di pochi mesi)di misure che consentano di prevedere la messa in sicurezza delle grotte, oggi inagibili e inaccessibili. Si tratta del secondo stralcio del progetto di Parco di San Matteo, che consentirebbe di accedere sia ai sentieri che alle grotte. L’assessore Tusa, intellettuale sensibile e profondo conoscitore del territorio, ha condiviso tale impostazione prospettica, individuando il percorso amministrativo della nuova Programmazione come strumento per finanziare il secondo stralcio di Chiafura. Ma la questione del rischio riguarda anche la Collina Croce, su cui esiste una ipotesi di ascensore che metta in collegamento la cava di San Bartolomeo con l’ex Convento in cui si venerava la Madonna di Sion. La concretezza e la fattibilità del progetto (finanziato per cinque milioni di euro) sono oggi al centro di un serrato confronto fra i tecnici. L’intesa fra Tusa e Riccotti è stata nel senso di una valutazione complessiva degli interventi organici nell’area di questo giacimento culturale, per far sì che le risorse siano allocate nella misura più congrua e producente. A margine di questo tema è stato affrontata anche la questione della acquisizione al patrimonio pubblico della Fornace Penna di Punta Pisciotto a Sampieri. L’assessore Tusa aveva appostato nel bilancio regionale 500 mila euro, ma il parlamento ha cassato tale previsione. Tusa tornerà a proporre la misura, a fronte anche di una vicenda giudiziaria che vede coinvolti gli eredi proprietari dell’immobile, inadempienti circa l’obbligo della messa in sicurezza. Infine, su palazzo Spadaro, immobile di proprietà del Comune acquistato negli anni Ottanta grazie a fondi Regionali, e oggi sede dell’assessorato alla cultura del Comune, l’assessore Riccotti ha chiesto un finanziamento bastevole almeno per il rifacimento del tetto, che oggi patisce infiltrazioni d’acqua piovana.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quattro + dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.