Ospedale Maggiore di Modica, RSU Cgil: “Verso un drastico dimensionamento”?

2
2129

“Dopo aver ridotto i reparti di degenza medica e chirurgica senza primari (ne mancano ben 9 in tutto il presidio) con carenza di medici, infermieri, ostetriche, tecnici e ausiliari, determinando un impoverimento professionale.
Dopo aver chiuso il servizio di ecografia senza sostituire il medico che se ne occupava e dopo aver ridotto a pezzi il servizio di Radiologia si è passati alla distruzione di uno dei pochi servizi rimasti funzionanti : la Fisioterapia. L’allarme parte dalla RSU della Cgil che parla di declassamento a struttura semplice del Laboratorio Analisi dell’Ospedale Maggiore di Modica (una delle più efficienti strutture dell’Asp 7 e tra i più rinomati laboratori del Distretto Sud Orientale) senza procedere alla sostituzione del personale infermieristico andato in pensione.
“Con Ordine di Servizio del Responsabile Medico viene trasferita a Scicli la seconda fisioterapista, trasferimento non sostenuto da carichi di lavoro tali da poter giustificare tale decisione, difatti risultano occupati solo 10 sui 18 posti di degenza presenti a Scicli” .
Questa decisione comporta un’ulteriore diminuzione delle prestazioni della fisioterapia che sino ad oggi è riuscita a garantire dal Lunedi al Sabato le urgenze, la riabilitazione ai pazienti con protesi, a quelli affetti da ictus o mastectomie, e ancora linfodrenaggi, ginnastica respiratoria, onde d’urto, pressoterapia e la riabilitazione ai ricoverati. Inoltre dalle 7 alle 14 (dal Lunedi al Venerdì) sono state garantite tutte le suddette prestazioni agli utenti esterni.
Grazie a queste “strategiche decisioni” da ora in poi gli utenti saranno costretti a recarsi in strutture private .
La percezione e la preoccupazione dei cittadini e degli operatori sanitari e’ che si voglia ridimensionare ulteriormente il presidio Modica-Scicli, i fatti sono inconfutabili. “Ci appelliamo al buon senso dei nostri rappresentanti politici e dei Sindaci del comprensorio che fruisce delle prestazioni e dei servizi sopra elencati affinché intervengano a difesa e a tutela del bene pubblico più prezioso, la salute”:

2 Commenti

  1. Bene bravi a distogliere l’attenzione parlando di cose tra l’altro non veritiere mentre del fatto che gli incentivi del comparto sono andati a farsi benedire per colpa vostra solo silenzio….bravi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

16 − dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.