Cerca
Close this search box.

Scicli. Risolto per inadempienza il contratto l’impresa che gestiva l’igiene ambientale. Subentra Puccia

L’amministrazione comunale di Scicli ha proceduto nei giorni scorsi alla risoluzione del contratto con la ditta che gestiva dal primo luglio il servizio rifiuti, per inadempienza contrattuale. In seguito a numerosi e capillari controlli degli uffici comunali, è stato riscontrato, sin dai primi mesi di erogazione del servizio, che molte erano le inadempienze e le carenze organizzative della ditta appaltatrice. Gli uffici hanno sanzionato tali disservizi, provvedendo a detrarre dai ratei mensili il corrispettivo della inadempienza contrattuale. Il peggioramento progressivo della qualità del servizio, il mancato avvio della differenziata porta a porta nelle borgate, e una insoddisfacente presenza sul territorio(ivi compreso il mancato ritiro degli ingombranti e delle altre frazioni come pile e olii esausti, vegetali, indumenti, farmaci, ecc.) hanno portato l’amministrazione comunale alla risoluzione del contratto. Vale la pena ricordare che la ditta si era aggiudicata l’appalto in virtù del progetto migliorativo che aveva presentato in sede di gara (fra questi punti di pregio erano l’uso di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale e una attività di formazione e informazione sul territorio mai compiuta in realtà, oltre alla differenziata porta a porta nelle frazioni). In agosto, il Comune, aderendo a una ordinanza del Governatore della Regione Siciliana, aveva trasmesso al Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti un programma di attività finalizzate a recuperare la raccolta differenziata, con l’obiettivo di evitare il conferimento dei rifiuti di Scicli al di fuori della Sicilia, con aggravio di costi per l’Ente e quindi per i cittadini. La viva preoccupazione dell’amministrazione era che le inadempienze dell’impresa potessero incidente negativamente sul programma presentato alla Regione. Da qui, visto il mancato raggiungimento degli obiettivi indicati dall’organo politico, e la constatazione delle inadempienze contrattuali sanzionate da parte degli uffici, si è proceduto alla risoluzione del contratto. L’ufficio competente ha già proceduto a interpellare la ditta seconda in graduatoria al fine di affidare il servizio alle condizioni del primo aggiudicatario. “In questi mesi di controlli attenti -dichiara il sindaco Enzo Giannone- abbiamo tenuto fede all’impegno di impiegare le risorse pubbliche con la cura del buon padre di famiglia, avendo di mira l’effecienza e la qualità dei servizi. I soldi del Comune sono soldi di tutti noi cittadini che paghiamo le tasse. Per questo, anche ricordando la delibera del gennaio 2017 con cui questa giunta individuava nella legalità il principio informatore della propria azione politica, si pretende che ogni ditta contraente con la pubblica amministrazione sciclitana rispetti le regole dei capitolati d’appalto e gli obblighi contrattuali. Rispetto a questo, nel settore dei rifiuti, e in tutti gli altri ambiti della vita pubblica, nessun cedimento o passo indietro sarà consentito”.
Al posto della ditta marsalese subentrerà la Giorgio Puccia di Modica a cui è stato affidata la gestione del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati, compresi quelli assimilati, porta a porta per 31 giorni, in attesa di nuove disposizioni.

385070
© Riproduzione riservata

3 commenti su “Scicli. Risolto per inadempienza il contratto l’impresa che gestiva l’igiene ambientale. Subentra Puccia”

  1. fricintinaru delusu

    Questo accade quando si è in presenza di una amministrazione con i “cosidetti funzionanti”. A Modica è tutt’altra storia : si preferiscono fare multe da 50 euro al cittadino mentre multare l’azienda è controproducente. Chissa’ perché. Comunque a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.Sinnucu arrispunni.

  2. Al tempo…fricintinaru delusu…anch’io fino a poco tempo fa criticavo l’amministrazione modicana e indicavo come esempio quell’altra; ti invito a farti un giro nelle borgate sciclitane: strade piene di buche, tubazioni idriche e fognarie rotte ogni 50 metri ( esemplari quelle sulla Sampieri-Cava d’Aliga, che hanno anche provocato un incidente!).
    Quindi dato che criticare è facile, teniamoci la nostra che le cose stanno cercando di farle…asfalto Piano Ceci fatto in pochi giorni

  3. Occorre vedere con quali soldi si sono riparate le buche (le buche per esempio) e se i debiti sono stati pagati. Chiedetelo a chi di dovere come sono combinate le casse comunali modicane. Gente che non viene pagata da 38 mesi, gli operatori ecologici con 4 mesi di stipendi non pagati, comunali con due mesi arretrati, multiservizi peggio che andar di notte, accordi non rispettati con Enel e Comune di Scicli per svariati milioni di euro. E questo è quello che si sa ufficialmente, il resto ce lo ritroveremo nei prossimi mesi/anni. Ma sapete quanto ce ne frega delle stradine che cilindrate o delle esagerate potature. U sinnucu potatuti e tappa buchi ma il buco finanziario nessuno lo guarda senza sapere che chi pagherà sarà sempre pantalone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top