Modica. A scuola di differenziata

4
1303

Inculcare nelle menti più giovani la cultura del riciclo, far capire fin dalla più tenera età la portata di questa rivoluzione “differenziata”. Si è svolto nelle scorse settimane un “tour” per le scuole del territorio modicano da parte dei funzionari dell’Ufficio Ecologia, dell’Assessore Lorefice e del SRR Ato 7 Ragusa rappresentato da Giuseppe Sammito che hanno parlato con gli studenti di quello che sta avvenendo a Modica nel campo del conferimento dei rifiuti. Oltre ai percorsi di sensibilizzazione sono state fornite anche attrezzature utili al corretto conferimento che verranno posizionate all’interno degli istituti scolastici che ne hanno fatto richiesta. I rappresentanti del Comune hanno partecipato anche al collegio dei docenti dell’ITC Archimede, del Liceo Scientifico e della scuola media Giovanni XXIII. “Voglio ringraziare i dirigenti scolastici che ci hanno dato la possibilità di parlare con i ragazzi – commenta l’Assessore Lorefice – perché riteniamo di fondamentale importanza cominciare tra i banchi di scuola a coltivale la cultura della differenziata. Abbiamo notato tra i ragazzi molto interesse ed una forte voglia di cambiare le abitudini che ci fa ben sperare per il futuro”. I dirigenti scolastici possono richiedere la presenza dei delegati del Comune per tenere incontri presso le proprie sedi scrivendo una mail all’indirizzo ufficio.ecologia@comune.modica.rg.it

4 Commenti

  1. io vorrei capire solo una cosa: perché per l’umido ci vuole la chiave apposita?
    ho delle teste di pesce da buttare e la chiave non ce l’ho…
    se appoggio il sacchetto biodegradabile accanto al contenitore, creerò di fatto una discarica?
    si va nel penale?

    Grazie

  2. I ragazzi e soprattutto i bambini sanno cos’è il riciclo e sanno fare bene la differenziata, quelli con più difficoltà a capire, ma sopratutto ad accettare sono, secondo me molti genitori e nonni ovvero i grandi, quelli che realmente hanno a che fare con i rifiuti domestici quotidianamente.
    A scuola il lavoro è stato fatto bene e da tempo. Ora occorre andare nei quartieri e nelle contrade modicane informare e sensibilizzare.
    Questa è la mia. osservazione/proposta costruttiva.

  3. E del problema conferimento spazzatura ne vogliamo parlare????? Per noi abitanti delle zone non servite è diventata missione impossibile,i pochi contenitori a disposizione sono sempre stracolmi,non si sa con quale cadenza vengono svuotati,se si lascia un sacchetto a terra veniamo multati,quindi tante volta la spazzatura viene riportata a casa con la speranza del “ritenta sarai più fortunato” Ditemi si possono pagare bollette per un servizio che non c’è ??????

  4. Ma come pretendono il rispetto delle regole quando i cassonetti, posizionati da loro sulle strade, sono tutti in violazione alle norme al Codice della Strada?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

2 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.