Omicidio Zarba a Ragusa. Il gip si riserva sul fermo dell’ex marito Giuseppe Panascia

0
889

È terminato dopo un’ora e mezza l’interrogatorio di garanzia di Giuseppe Panascia, accusato dell’omicidio dell’ex moglie Maria Zarba di 66 anni, trovata uccisa nella sua abitazione di Ragusa. Il gip del Tribunale di Ragusa Ivano Infarinato ha interrogato l’indagato nel carcere di Ragusa alla presenza del legale d’ufficio Valentino Coria.
Al termine dell’interrogatorio, il Gip si è riservato di decidere sulla convalida del fermo.
Per l’accusa, il 74enne, ex tecnico di un istituto superiore, avrebbe colpito violentemente più volte la donna con un oggetto contundente particolarmente duro, procurandole anche un esteso trauma cranico. A trovare il corpo, nella stanza adibita a soggiorno-cucina della loro casa, era stato, appena rientrato dal lavoro, il nipote della vittima, Giuseppe, 22 anni, che viveva con la nonna. Sono state le sue urla di dolore a richiamare i vicini, che hanno avvisato polizia e 118, ma la donna era già deceduta. Sia lui che i quattro figli della coppia, che vivono lontano da Ragusa per motivi di lavoro, e che sono subito rientrati in città, erano a conoscenza dei rapporti burrascosi tra i due coniugi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

dodici + quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.