Condizioni precarie nella parte bassa di Via Risorgimento a Ragusa. Firrincieli (M5S) lamenta condizione di provvisorietà

“Che fine ha fatto l’intervento di recupero della parte bassa di via Risorgimento a Ragusa, nel tratto che la collega con l’ospedale Maria Paternò Arezzo? Perché, a distanza di mesi da quando sono sistemati i jersey in seguito al disgaggio di alcuni sassi dai costoni rocciosi circostanti, nessun lavoro sembra ancora essere stato effettuato?”. A chiederselo è il consigliere comunale M5s Sergio Firrincieli dopo avere raccolto le lamentele degli automobilisti che a vario titolo transitano lungo la strada in questione dove il transito è consentito a corsie alternate e il traffico è regolamentato da un semaforo.

“Ci piacerebbe sapere, visto che i lavori di recupero erano stati disposti con urgenza dalla precedente amministrazione – continua Firrincieli – perché gli stessi non hanno ancora visto la luce com’era auspicabile che accadesse e per quale ragione non si nota nessuna attività da quelle parti. Così facendo si rischia di proseguire con questo stato di provvisorietà e rischiosità per chissà quanto tempo ancora. Circostanza non consentibile anche perché è un’arteria di straordinaria importanza per il fatto che, così come ho già chiarito, la stessa collega la città superiore e Ibla con l’ospedale Arezzo e quindi c’è la necessità che la stessa possa essere fruibile, dai dipendenti e dai familiari dei degenti, nella maniera migliore. Avevo già segnalato la questione in commissione Assetto del territorio di cui sono componente il 6 settembre scorso oltre che nella successiva seduta di Consiglio. Non dimentichiamo che il franamento, già grave e meritevole dello stanziamento di somme in urgenza come già detto, potrebbe aggravarsi irrimediabilmente alla luce delle abbondanti piogge che minano l’assetto idrogeologico di tutto il territorio. I jersey, infatti, non garantiscono sicurezza. Mi rivolgo al sindaco Cassì affinché verifichi lo stato procedurale e intervenga di conseguenza. Una cosa è certa. Così non si può proseguire ancora per molto”.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI