Molto partecipato il raduno precampionato della sezione di Ragusa dell’Associazione Italiana Arbitri

0
273

E’ stato, come sempre, molto partecipato, il raduno precampionato dell’Associazione italiana arbitri, sezione di Ragusa, presieduta dall’arbitro benemerito Andrea Battaglia. Assieme a lui anche il vicepresidente sezionale Michele Tasca e l’osservatore Can Pro Saro Spata oltre a Francesco Saia che arbitra in Serie B. “Abbiamo portato avanti un percorso – affermano Battaglia e Tasca – che ci ha consentito di verificare come, ogni anno, continui ad essere crescente l’attenzione nei nostri confronti. Abbiamo dimostrato, qualora ce ne fosse di bisogno, che il pianeta arbitri risulta essere tra quelli che, nel mondo sportivo, al di là delle dicerie e dei luoghi comuni, è tra i più apprezzati per la competenza e l’attenzione di chi gestisce questo delicato mondo”. Tra i presenti alla fase conclusiva del raduno anche il consigliere comunale, Mario D’Asta, presidente della commissione Trasparenza, il quale, anche nella qualità di medico sportivo, si è detto piacevolmente stupito della grande attenzione che gli arbitri riservano alla preparazione atletica, elemento imprescindibile per potere assolvere al meglio la propria funzione di giudici nell’arco di gare che possono diventare anche di fondamentale importanza per il futuro di questa o quella squadra, di questa o quella società. “Voglio fare i miei complimenti – dice D’Asta – al presidente Battaglia, al vice Tasca e a tutto lo staff organizzativo per l’interesse che hanno dimostrato di possedere nei confronti dei loro iscritti che, a quanto mi hanno riferito, sono aumentati in maniera esponenziale a testimonianza di quanto questo ruolo, se svolto con professionalità e imparzialità, possa catturare l’attenzione dei più giovani. Sono contento di avere potuto conoscere anche questo piccolo mondo della nostra città che merita tutta la nostra attenzione e anche quella dell’amministrazione comunale”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome