Modica: Il Caffè Letterario Quasimodo programma i suoi “Sabati Letterari” per la XIII Stagione culturale 2018-2019

0
1660

In cantiere a Modica gli appuntamenti culturali del Caffè Letterario “Salvatore Quasimodo”, giunti alla loro XIII edizione. Il calendario della stagione 2018-2019 si snoderà in 16 appuntamenti culturali, i cosiddetti “sabati letterari” , distribuiti da ottobre a maggio, che si svolgeranno nell’Auditorium del Palazzo della Cultura.
Le tematiche della Stagione si muoveranno, come sempre, su tre versanti: il primo aperto ad un macrocosmo letterario con appuntamenti dedicati ai classici e ad autori della grande Letteratura: Dante, Pirandello, Sciascia, Bufalino ed autori che affrontano il tema della solidarietà nella letteratura.
Il secondo versante sarà dedicato ad incontri con autori contemporanei siciliani, tra i quali l’acese Salvatore Borzì con il suo racconto “L’alunno del tempo”; il ragusano Gino Carbonaro con il suo libro “Donna. Una storia senza eco”; il ragusano Emanuele Cavarra con il suo romanzo “Il brigante e il legionario”; il pozzallese residente ad Alessandria, Pietro Fronterrè con il suo romanzo “Splendida chimera”. Per la poesia in programma la presentazione delle pubblicazioni di Lucia Trombadore e Gianni Di Giorgio.
Ci sarà anche spazio per la musica, l’arte con la pittura di Guido Cicero, e per la letteratura locale, le tradizioni, i detti, i proverbi, gli aforismi e i “nniminàgghi” con serate dedicate ad autori modicani. Il terzo versante degli appuntamenti sarà sulle orme della memoria storica con incontri finalizzati a operare un recupero di scrittori del nostro territorio ibleo vissuti tra l’800 e il 900”.
“ Anche quest’anno – afferma Domenico Pisana, Presidente del Caffè Letterario Quasimodo – stiamo mettendo in cantiere questa XIII stagione culturale, la quale rappresenta la prosecuzione di una testimonianza di impegno civile e culturale a favore del territorio, ove ci piace fare della cultura una ‘espressione di vita’ che unisce esperienze e identità in un’ottica di inclusione. In questi anni il Caffè Letterario Quasimodo ha operato con questa filosofia di fondo perché ritiene che la cultura debba connotarsi come ‘spazio di senso’, come luogo nel quale si possono incrociare esperienze, sentimenti, riflessioni e idealità in grado di contribuire alla costruzione del tessuto relazionale del nostro tempo”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome