Amministrative a Modica. Ecco i 24 consiglieri comunali. Abbate conquista il 17° seggio

3
12335

“Modica 2018” è stata la lista in assoluto più votata per queste Amministrative che hanno portato alla riconferma del sindaco uscente Ignazio Abbate che avrà il sostegno di una maggioranza di 17 consiglieri. La lista ha ottenuto il 26,40%, con Maria Monisteri, 48 anni, forte dei suoi 877 voti. La presidente della Conad Scherma Modica è stata la più votata nelle liste Abbatiane, probabilmente anche grazie al fatto che la società schermistica ha saputo fare quadrato attorno a lei. Non è difficile supporre che per lei possa profilarsi un incarico assessoriale o, perchè no, la presidenza del consiglio comunale. Eletti anche il vice sindaco e riconfermato assessore Giorgio Linguanti con 758(i due hanno fatto campagna insieme), l’assessore riconfermato Pietro Salvatore Lorefice(678)il sindacalista Cgil Saro Viola con 669, e Carmela Minioto(678) e l’assessore uscente Rita Floridia(595), l’infermiere Giorgio Civello(523), Massimo Caruso(468), Antonino Di Rosa(426).
«Fare Modica» porta nel civico consesso Lorenzo Giannone(470), l’uscente Alessio Ruffino(364), il riconfermato assessore Giorgio Belluardo(339) ed Angelo Spadaro(324). La lista dei giovani “Modica Est”, incassa quattro consiglieri oltre a tre importanti affermazioni personali, Samuele Cannizzaro, Marylin Antoci e Peppe Rizza, rimasti esclusi per una manciata di voti. il primo della lista è Giovanni Alecci, che ha raccolto moltissimi voti nelle campagne e che ha ottenuto 521 preferenze, poi il consigliere comunale uscente Daniele Scapellato(444), Gianmarco Covato(377), e Margherita Sammito(307). La quarta lista di Abbate, “Noi Insieme per Modica”, prende un seggio con l’avvocato Carmelo Ventura(192 voti).

Nel Centro sinistra la lista del Pd, 7,92%, è stata trainata dal suffragio in favore di Ivana Castello, la più votata in assoluto(913). Eletto anche il segretario cittadino Giovanni Spadaro con 264 voti. “Modica 2038”, oltre al candidato sindaco, Salvatore Poidomani, a cui spetta un posto per legge, è stato eletto Filippo Agosta(204). Nessun seggio nella lista Cento Passi, nonostante i 280 voti di Antonio Ruta. Fuori la Lega Salvini (1,56) e Fratelli d’Italia (2,01), con la sconfitta dell’ex vice presidente della civica assise Michele Polino. In Forza Italia “salgono” Mommo Carpentieri, 577 voti, e Tato Cavallino, 452. Affermazione personale rilevante quella dell’avvocato Fabio Borrometi, terzo con 410 voti. Fuori l’ex presidente del consiglio Roberto Garaffa al quale, probabilmente, la gente non ha perdonato i salti da “L’Alternativa”, alle liste di Poidomani per finire in Forza Italia. Il M5S ha ottenuto il 6,65 dei voti e porterà un solo consigliere Marcello Medica con 259 preferenze. Dunque si allarga la quota rosa nel massimo consesso cittadino: in ordine alfabetico Castello, Floridia, Minioto, Monisteri e Sammito. Nella passata legislatura erano quattro.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

3 Commenti

  1. E adesso buon lavoro e tanti auguri a tutti. Lavorate con responsabilità, rispetto e saggezza per la nostra grande città di Modica. Buon lavoro. Claudio.

  2. Un in bocca al lupo per il prossimo quinquennio. Al sindaco chiedo di continuare con la forza e la tenacia insieme alla sua squadra avuta fino ad oggi. Alla opposizione un augurio di una sana e costruttiva attenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome